Una casa a Detroit per SUV GMC Hummer e Chevrolet Silverado

Il rinnovatissimo impianto di Detroit-Hamtramck sale a quattro linee di modelli al 100% elettrici già previsti nel piano industriale stilato da General Motors

L’impianto di Detroit-Hamtramck, ribattezzato Factory Zero lo scorso anno, rafforza il ruolo di fabbrica General Motors specializzata nella mobilità elettrica: accanto al GMC Hummer EV pickup e alla piccola produzione di modelli ad alta automazione Cruise Origin sarà anche la casa di due nuovi modelli.

Il primo è il GMC Hummer EV versione SUV, appena presentato nel bel mezzo delle seguitissime finali del basket dei college, il secondo invece un light truck appartenente alla marca Chevrolet: si tratta della prima versione al 100% elettrica del Silverado, modello tra i più benefici per ricavi e profitti nel bilancio annuale della casa fondata dagli ex-piloti svizzeri che le hanno dato il nome.

Lo ha confermato il presidente del gruppo del Michigan Mark Reuss stasera. “I veicoli che usciranno dalla Factory Zero cambieranno il mondo e come il mondo guarda ai veicoli elettrici”, ha detto Reuss tra l’altro, esprimendo l’opinione che il Silverado possa essere un successo immediato, specialmente per le flotte e i clienti delle attività commerciali, per poi in seguito conquistare anche i privati.

Il nuovo mezzo elettrico, che avrà una autonomia di circa 400 miglia assicurata da pacchi batterie Ultium della nuova generazione con chimica NCMA, sarà proposto in molte versioni per accontentare una domanda che si prevede vivace. Tuttavia né Reuss o la nota stampa hanno indicato a partire da quando il primo esemplare lascerà la linea di quella che la gente di Detroit chiama ancora Poletown, la zona un tempo abitata da immigrati polacchi.

Se il pickup Hummer EV uscirà dalle linee di Factory Zero a fine anno, la versione SUV non è proprio dietro l’angolo, perché prevista dall’inizio del 2023. Sembrerebbe che in GM non vogliano rischiare di farsi concorrenza tra modelli elettrici proposti.

Per la marca Chevrolet il Silverado rappresenta il terzo modello elettrico della gamma: l’esordio della nuova era è avvenuto con la ormai storica Bolt EV, raggiunta da poco dalla versione più spaziosa Bolt EUV.

L’Hummer EV in allestimento SUV in America uscirà in una articolata gamma di versioni (cinque, incluse due limitate per numero di esemplari) con prezzi compresi tra i $79.995 ed i $110.595. A quel prezzo si spazierà tra versioni a due o tre motori, con potenze massime tra 625 e 830 cavalli e prestazioni elevate, incluso l’accelerazione 0-60 miglia orarie in 3,5″.

Se la versione base che uscirà per ultima avrà un pacco batterie a 16 moduli e impianto elettrico a 400V quella di fascia superiore avrà pacco a 20 moduli e impianto elettrico a 800V per consentire ricariche particolarmente rapide, come avviene su modelli luxury quali Porsche Taycan e Audi E-Tron GT o medi ma di progetto recentissimo come la nuova Kia EV6. Se GMC non ha ancora fornito dati sulla capacità delle batterie, ha indicato autonomia raggiungibile compresa tra oltre 250 e oltre 300 miglia, tra i 400 ed i 480 chilometri.

IL SUV elettrico GMC rispetto al pickup sarà 508 millimetri più corto e con un passo ridotto di 226 mm: nonostante questo non gli mancherà lo spazio interno. E quanto allo spazio esterno con le quattro ruote sterzanti e le modalità CrabWalk potrà uscire diagonalmente anche da spazi stretti, mentre con l’Extract Mode alzerà il veicolo di 15 centimetri per terreni particolarmente impervi. Inoltre la batteria, considerato che il SUV sarà più facilmente usato fuoristrada rispetto al pickup, avrà una protezione supplementare per riparare le celle dagli urti con terreni poco malleabili.

Credito foto di apertura: ufficio stampa GMC