Pronta alla carica la prima Alfa Romeo plug-in: è il SUV Tonale Q4

Anche Alfa Romeo debutta con la tecnologia ibrida plug-in: è sulla Tonale Q4, in grado di percorrere in media quasi 70 chilometri in modalità completamente elettrica e oltre 80 in ambito urbano

Tonale Q4 è una prima volta per la casa italiana del gruppo Stellantis, assorbito dall’elettrificazione prevista dal suo piano Dare Forward 2030. Dove nella versione convenzionale sul lunotto posteriore c’è un logo del Biscione, qui spunta una spina nelle fauci dell’animale, segnale dell’ingresso tra i plug-in di questo SUV del Segmento C che Alfa Romeo afferma aver già meritato 25.000 ordini dal lancio.

Annunciato già al momento del lancio e prodotto a Pomigliano d’Arco di Pomigliano, attualmente in soli 10 esemplari al giorno per consentire uno stretto e rigorso schema di controlli qualità, la versione ibrida plug-in di Tonale tende a rappresentare la nuova concezione di sportività alfista.

Sportività che è imperniata su un quattro cilindri da 1,3 litri a cui si appoggia un generatore da 33 kW nella parte anteriore e da un motore elettrico da 90 kW (122 cavalli e 250 Nm di coppia) che trasmette il moto all’asse posteriore. Il generatore viene utilizzato per avviare o compensare le interruzioni di coppia e i cambi di marcia del turbo durante un cambio di marcia. Consente inoltre di inviare energia alla batteria del sistema ibrido.

Sulla scheda tecnica diffusa oggi insieme alla nota stampa, il SUV Tonale elettrificato svela una potenza combinata di 280 cavalli e la trazione integrale (trazione anteriore con motore termico e trazione posteriore con motore elettrico) coordinata elettronicamente.

Le centraline e i chip perciò limitano lo svantaggio di peso rispetto alla versione standard (125 chilogrammi) e assicurano anzi con la loro gestione un vantaggio in termini di manovrabilità. Così equipaggiato e con una batteria agli ioni di litio dalla capacità di 15,5 kWh Tonale Q4 ibrido plug-in dichiara una autonomia elettrica di 69 chilometri nel ciclo combinato e di 82 nel ciclo urbano. Una ricarica completa della batteria richiede meno di 2,5 ore col caricatore imbarcato da 7,4 kW.

L’efficienza ottenuta grazie alla nuova motorizzazione, secondo la casa consente emissioni di Co2 che vengono ridotte fino a 26 g/km, per abbattere le emissioni complessive della gamma Alfa Romeo di circa il 40%. Il risparmio promesso è elevato anche nei consumi, ridotti a 1,14 litri per 100 chilometri secondo il ciclo WLTP.

La cosa si dovrebbe apprezzare di più in città, dove la guida elettrica “Advanced Efficiency” vuole farsi notare per “intelligenza”. Può decidere da sola di passare alla modalità veleggio se la corsia è libera quando il piede viene sollevato (risparmiando pertanto energia) e consente di non superare i 50 km/h in discesa grazie alla funzione “eCoasting”, che regola la velocità.

È anche possibile preservare il livello della batteria premendo il pulsante E-Save che mantiene il livello di carica esistente o in caso di emergenza (cioé se non si può ricaricare a una presa e si deve entrare in una zona a basse emissioni) perfino passare a E-Charge che ricarica le batterie coll’unità termica, sebbene non sia una alternativa sensata dal punto di vista dei consumi.

Particolarmente in itinerari extraurbani sarà invece prevalente la modalità Natural che utilizza entrambi i motori ma dà priorità all’elettrico quando possibile. Il quattro cilindri in effetti sarà poco utilizzato a bassa velocità, con un impatto favorevole sui consumi. Ma su autostrada o superstrada sarà soprattutto il piccolo turbo a spingere questo SUV plug-in che quanto ad accelerazione dichiara uno 0 a 100 km/h in 6,2 secondi.

Il cruscotto è realizzato nel solco di un vero modello premium e sportivo, con materiali scelti e componenti digitali di buon livello, quanto mai distanti dallo stile degli interni di case native elettriche (credito foto: ufficio stampa Stellantis)

Come per gli altri motori, la gamma sarà organizzata attorno a quattro livelli di allestimento: Super, Sprint, Ti e Veloce. Al lancio Tonale Q4 Edizione Speciale con numerosi componenti previsti di serie in questa versione, è offerta con prezzo di listino di €52.560 comprensivo di Wallbox e prezzo Promo di €50.560.

Si tratta di circa €10.000 più della versione ibrida da 160 cavalli: in effetti con l’ingresso della batteria da 15,5 kWh Tonale si posiziona sui prezzi dei rivali premium tedeschi, che in vari casi hanno batteria con capacità inferiore ma all’apparenza autonomia leggermente migliore.

Credito foto di apertura: ufficio stampa Stellantis