Tre elettriche Genesis disponibili in Europa entro fine 2021

La marca premium del gruppo Hyundai apre per iniziare nel Regno Unito, Germania e Svizzera; punterà su vendita online e prezzi chiari e fissi (in stile Volvo/Polestar)

Genesis, il marchio premium del gruppo Hyundai finora presente solo in Nord America e in alcuni mercati dell’Asia, entro l’estate farà il suo esordio in Europa. Nella nota ufficiale per ora l’azienda non ha menzionato l’Italia: i primi saloni apriranno a Londra, Monaco e Zurigo e dopo Regno Unito, Germania e Svizzera altri mercati saranno raggiunti. Dapprima con modelli convenzionali, ma da fine anno anche con tre elettrici al 100%.

Della prima Genesis elettrica che scenderà sulle strade del Vecchio Continente sappiamo che sarà la G80, da poco presentata al Salone Auto di Shanghai. La grande berlina è realizzata su una piattaforma mista, ma i due modelli successivi in uscita saranno invece progettati e costruiti sul pianale E-GMP comune anche a Kia EV6 e Ioniq 5, con impianto elettrico a 800V e in questo caso il primo ad usufruirne potrebbe essere il modello GV60, forse seguito dal SUV GV80.

I primissimi ad uscire saranno però G80 e GV80 con motori termici, seguiti da G70 e GV70 convenzionali. La marca premium del gruppo coreano ha anche fatto sapere di essere determinata a realizzare un modello particolarmente ritagliato sulle necessità del pubblico europeo di fascia alta: con il contributo del centro ricerche europeo che ha sede in Germania a Rüsselsheim (città peraltro ben più nota per la presenza decennale Opel) potrebbe essere una versione station wagon del modello G70.

Come è avvenuto nel caso del nuovo marchio al 100% elettrico Ioniq, anche Genesis è stato in passato il nome di un modello Hyundai. Da una grande berlina si è passati cinque anni fa allo spinoff di Genesis come marchio mirante a uno status premium, in particolare pensando al mercato americano, dove le varie giapponesi Toyota, Honda e Nissan hanno proceduto a creare marchi di qualità più elevata con minore o maggior successo: ovvero rispettivamente Lexus, Acura ed Infiniti.

Secondo il responsabile del design della marca Jaehoon Chang, ormai Genesis si è creata una rispettabilità tale in mercati come America e alcuni paesi asiatici che i tempi sono maturi per passare ad un altro capitolo nella ancora breve storia dei questa giovane casa premium.

Genesis sembra voler imitare la spinta di alcuni marchi premium concorrenti, in particolare Volvo Cars e Polestar, che si stanno già orientando verso la vendita diretta accompagnata da una scelta dei prezzi limitata ma con importi chiari e fissi.

Anche se in Europa sarà la rete degli importatori Hyundai a seguire il lancio, in effetti la vendita passerà principalmente dal canale online, mentre per le future necessità di assistenza ci saranno i centri del gruppo coreano già insediati, ma con un servizio dedicato di ritiro e riconsegna presso la residenza (o il luogo di lavoro) della clientela, che la casa ha battezzato Genesis Personal Assistant.

Credito foto di apertura: ufficio stampa Genesis