Dal 2030 i motori convenzionali offline sulle Volvo

A fine decade sarà completata la rivoluzione della gamma svedese, nel frattempo le elettriche si potranno acquistare solo online e i prezzi diventeranno fissi e trasparenti

Il costruttore svedese avrà solo modelli al 100% elettrici nella propria gamma per il 2030: lo ha annunciato stamattina. Volvo Cars non è il primo marchio tradizionale da grandi volumi che prende la decisione di eliminare i motori convenzionali: nelle ultime settimane hanno confermato scelte analoghe case come Jaguar e (per il mercato europeo) Ford. Ma nel 2017 la marca scandinava era stata la prima ad annunciare che avrebbe introdotto versione elettrificate su tutti i modelli della propria gamma.

Ai giornalisti che lo intervistavano l’amministratore delegato Hakan Samuelsson ha detto: “sono totalmente convinto che non ci saranno clienti che vogliano davvero restare col motore a benzina. Siamo convinti che l’auto elettrica sia più attraente per i clienti”.

Entro il 2025 secondo la marca scandinava (parte del gruppo cinese Zhejiang Geely) metà delle sue vetture vendute saranno elettriche pure e l’altra metà ibride. “Per continuare ad avere successo, abbiamo bisogno di una crescita proficua. Quindi, invece di investire in un business in calo, abbiamo scelto di investire nel futuro, sia elettrico che online”, ha aggiunto Samuelsson. “Stiamo concentrando i nostri sforzi sull’obiettivo di diventare un leader nel segmento elettrico di lusso in rapida crescita”.

In anteprima sulla presentazione del secondo modello elettrico C40 previsto per oggi, l’azienda ha detto che tutti i modelli Volvo elettrici puri saranno disponibili solo online. Una gamma che sarà tutta aggiornabile nella dotazione software via etere, soluzione in cui Tesla ha fatto da battistrada e che Volvo Cars ha iniziato a eseguire per la prima volta in questi giorni sul modello XC40 Recharge, dotato di sistema operativo Android Automotive.

Samuelsson si è soffermato anche su cosa significhi lo scenario di vendite di elettriche online, aggiornate via etere. “ci sono di mezzo molti posti di lavoro, naturalmente. Ma nel complesso non penso che ci sarà una grande differenza”. La rete globale di circa 2.400 concessionari Volvo Cars continuerà ovviamente l’attività di assistenza anche quando i motori convenzionali spariranno dalla gamma; continuerà a supportare la clientela venendo inserita nel programma di offerta che verrà proposta col nome di Care by Volvo.

Care by Volvo finora designava il servizio di assistenza su abbonamento di Volvo Cars, che sarà ampliato creando un’offerta più ampia per i clienti, con l’obiettivo di aumentare il livello di comodità complessiva per questi ultimi.

Una Volvo elettrica acquistata online verrà fornita in abbinamento a un pacchetto di servizi che includono l’assistenza, la garanzia, il soccorso stradale, così come l’assicurazione, ove disponibile, e le soluzioni di ricarica domestica.

Un ulteriore sforzo di praticità e semplificazione sarà garantito dai prezzi trasparenti e prestabiliti. Si eliminerà così la necessità di negoziare, aumentando al contempo il livello di trasparenza e rafforzando il rapporto di fiducia. Nell’autunno dello scorso anno Volvo Cars aveva iniziato a rafforzare il canale delle vendite online, indicando l’intenzione di spostare in questo settore il 50% del proprio mercato entro il 2025.

Credito foto di apertura: ufficio stampa Volvo Car Italia