Nell’aggiornamento a Ioniq 5 spuntano batteria più grande e specchietti digitali

Per la sua elettrica pura, col Model Year 2023 in arrivo in Europa nella seconda metà dell’anno Hyundai dimostra subito di non voler dormire sugli allori meritati all’esordio

Nonostante il quasi immediato successo di Ioniq 5, il primo modello basato sulla piattaforma E-GMP per veicoli elettrici lanciato a febbraio 2021, Hyundai non si attiene al detto che “squadra che vince non si cambia”.

Perciò nel Model Year 2023 sarà subito possibile trovare alcune novità, appena svelate dalla marca coreana. In particolare, la batteria crescerà in capacità fino a 77,4 kWh nel secondo semestre di quest’anno, proprio come sulla “cugina” Kia EV6.

Lo scorso autunno voci di questo aggiornamento erano circolaste sulla stampa finanziaria della Corea del Sud: Hyundai all’epoca non aveva voluto confermare, ma adesso che si scopre che la capacità della batteria grande salirà da 72,6 a 77,4 kWh il contenuto di quelle indiscrezioni appare corretto. Peraltro sulla Ioniq 5 continuerà ad essere disponibile anche la versione entry level di batteria con capacità di 58 kWh.

Se la maggiore generosità della batteria riguarderà il Model Year 2023, un altro aggiornamento sarà disponibile ancora prima per la clientela tramite aggiornamento software: la nuova funzione di condizionamento della batteria che consentirà a Ioniq 5 di adattare automaticamente la temperatura della batteria durante il viaggio, per garantire condizioni di ricarica ottimali quando si raggiungerà la colonnina.

Questa soluzione, introdotta da tempo sulle Tesla e veicoli premium come Taycan, è in grado di offrire migliori prestazioni di ricarica nelle condizioni ambientali più fredde e in particolare ottimizza la possibilità di ricaricare alla massima potenza gestibile dal caricatore imbarcato. La funzione si attiva automaticamente quando un punto di ricarica viene inserito nel sistema di navigazione del veicolo, utilizzando il percorso ad esso collegato.

Hyundai proporrà sulla Ioniq 5 anche l’aggiornamento alla parte telaistica con la funzione Smart Frequency Dampers o SFD che migliorerà la risposta delle sospensioni dell’asse anteriore e posteriore per aumentare il comfort di guida, sebbene la vettura asiatica non risulti aver portato a recensioni particolarmente critiche finora sulle caratteristiche dinamiche.

La Ioniq 5 con l’aggiornamento previsto nella seconda metà del 2022 sarà anche caratterizzata dal debutto di specchietti retrovisori esterni ed interni digitali. La casa indica che il nuovo Digital Centre Mirror o DCM ottimizzerà la visibilità fornendo una visuale posteriore panoramica senza ostacoli dell’auto, grazie alla telecamera che i progettisti hanno ora installato sotto lo spoiler posteriore.

Ci sarà anche un aggiornamento estetico sulla Ioniq 5 nella seconda parte dell’anno: dal punto di vista del design infatti, la casa conferma che sarà caratterizzata da nuove opzioni, tra cui sono inclusi i paraurti neri non verniciati con guarnizioni nere associati ai fari full LED premium. Peraltro nel kit predisposto per la stampa non ci sono al momento in cui chiudiamo questo articolo immagini di questa opzione, che immaginiamo sarà invece visibile in seguito presso la rete di concessionarie.

Credito foto di apertura: ufficio stampa Hyundai Motor Italia