USA – auto elettriche più vendute – anno 2021

1. Tesla Model Y (190.393); 2. Tesla Model 3 (121.877); 3. Ford Mustang Mach-E (27.140)

Il mercato americano continua a premiare come prevedibile la maggiore protagonista della manifattura auto al 100% elettrica: Tesla. Nel corso dell’anno passato a prevalere è stata ancora la casa di Elon Musk, che proprio in California ha ormai reso l’impianto di Fremont uno dei più produttivi del settore al mondo: dall’ex-impianto NUMMI escono Model 3, Model Y e anche in piccole dosi le Model S e Model X. Se di quest’ultime ne sono costruite poco meno di 25.000, in gran parte acquistate proprio in America, sono stati i modelli medi a ottenere eccellenti risultati sul mercato di casa: Model Y è stata scelta da 190.393 clienti, mentre Model 3 da 121.877. Molto distante una novità al terzo posto: Ford Mustang Mach-E con 27.140 esemplari venduti. il modello Ford ha scavalcato la solita Chevrolet Bolt: nelle versioni EV ed EUV ha sfiorato i 25.000 pezzi immatricolati, ma nelle ultime settimane del 2021 lo stop alla produzione dovuto alla campagna di richiamo totale resasi necessaria per i problemi alle batterie LG Energy Solution ha messo la parola fine a ogni speranza di confermare il modello General Motors nella Top3 delle vendite di auto al 100% elettriche.

La seconda posizione di Model 3 nel 2021 andrebbe anche valutata alla luce dei risultati precedenti: ovvero la prima auto costruita da Tesla in grandi volumi ha fatto meglio dell’anno precedente negli Stati Uniti. Nel 2020 infatti sul podio delle elettriche pure a prevalere era stata proprio Model 3, quest’anno regina invece nel Vecchio Continente, che aveva venduto 95.135 esemplari precedendo Model Y (71.344). Tra i vari modelli medi e di fascia alta secondo i dati della società di consulenza Cox Automotive in America nel 2021 ha consegnato 352.471 elettriche pure (rispetto alle 205.600 del 2020) su 487.460 esemplari immatricolati sul cumulato, confermando la sua quota dominante di settore. E questo ha contribuito a portare la marca di Musk al vertice nelle vendite del settore luxury, che alle nostre latitudini definiremmo invece premium, rispetto ai rivali tedeschi e ai marchi asiatici (Lexus, Acura e Genesis): la miglior marca rivale, BMW, ha immatricolato 336.644 unità in America lo scorso anno. Model Y e Model 3 sono anche riuscite a inserirsi nella Top20 assoluta delle vendite degli Stati Uniti, dove prima continua ad essere da decenni la Serie-F Ford (726.004 esemplari), davanti alla famiglia Ram (596.388) e ai Chevy Silverado (529.765): come si vede un podio al 100% pickup. La berlina più gradita ancora una volta è stata Toyota Camry, con 313.795 pezzi venduti.

Proprio quello giapponese è stato nel complesso il gruppo che ha avuto più da festeggiare nel 2021, grazie allo storico sorpasso su GM nelle vendite statunitensi. Secondo i dati della società americana Wards Intelligence, una parte rilevante va al successo della gamma ibrida convenzionale, salita su base annua del 76% a 801.550 unità, salendo al 5% della flotta dei veicoli passeggeri in America. Sono stati 583.697 i veicoli immatricolati dai giapponesi tra ibridi convenzionali, plug-in e una manciata di auto fuel cell. L’ibrido si è fatto largo anche nelle consegne dell’altra giapponese che ha in America il primo mercato: Honda. Su base annua la fetta di ibrido è cresciuta del 67% arrivando a un totale di 107.600 unità, con sempre più clienti che scelgono la versione ibrida specie nel best seller CR-V e Accord, in attesa magari del lancio di modelli al 100% elettrici con marchio Honda ed Acura dal 2024 in poi.

Credito grafico: AUTO21, fonte dati: Cox Automotive ed OEM