Tra BMW e Samsung SDI nozze in «cleanroom»

Notizia della stampa specializzata coreana ipotizza una stretta collaborazione tra i due gruppi su nuove celle cilindriche di grande formato, da montare sulla prossima generazione di auto bavaresi

Secondo la testata specializzata coreana The Elec, BMW avrebbe proposto a Samsung SDI una stretta collaborazione per realizzare nuove celle cilindriche da sviluppare per la prossima generazione di veicoli elettrici bavaresi, che saranno prodotti su una nuova piattaforma dedicata, a partire da metà decade. Solo pochi giorni fa lo stesso gruppo coreano era stato scelto anche dalla startup dei SUV e pickup elettrici Rivian come fornitore.

Secondo The Elec inizialmente BMW, nota finora per la preferenza per celle prismatiche (che oltre che dal fornitore coreano riceve anche dalla cinese CATL), avrebbe intenzione di ordinare celle cilindriche con fattore forma 21700 (simile a quello delle Tesla più recenti).

In futuro, forse attraverso una collaborazione destinata a diventare una joint venture, per la fabbrica di Goed in Ungheria in cui è in pieno sviluppo l’espansione della capacità, il gruppo BMW punterebbe a realizzare un nuovo formato di cella a metà strada tra le 21700 e le 46800 (che Tesla ha presentato al Battery Day e di cui i fornitori Panasonic ed LG Energy Solution stanno realizzando la pre-produzione).

Un formato grande, sia pure non tanto grande quanto Elon Musk e Drew Baglino monteranno sui modelli Tesla, comporterà difficoltà produttive iniziali. I jelly roll, gli strati di materiali attivi da arrotolare nei cilindri, più sono di superficie ampia e più richiedono precisione e una pulizia con standard da fabbrica di semiconduttori.

Anche l’allineamento perfetto durante l’arrotolamento deve avere una precisione maniacale. Per sfruttare il massimo delle caratteristiche del grande formato sembra molto verosimile che anche BMW e Samsung SDI possano optare per la soluzione tabless, che renderebbe anche meno complessa la linea di produzione dei pacchi, facendo a meno di milioni di saldature delle singole linguette.

Una joint venture o una collaborazione stretta tra BMW e Samsung SDI probabilmente tenderà più a seguire la strada di General Motors con LG Energy Solution (che domani dovrebbero annunciare il sito prescelto per la seconda fabbrica americana dove si produrranno celle Ultium) che a quella del gruppo rivale Volkswagen, che sta sottoscrivendo accordi nelle varie regioni con più fornitori rivali, con un occhio anche alla differenziazione della propria supply chain.

Credito foto di apertura: ufficio stampa BMW Group