Le vendite dei veicoli elettrici intonano la Marsigliese

La Francia festeggia il primato di vendite in Europa e anche la vettura preferita dai clienti è transalpina

AVERE, l’associazione francese per lo sviluppo della mobilità elettrica, ha legittimi motivi di orgoglio nell’annunciare che per la prima volta la Francia è la locomotiva della diffusione degli EV. Oltre a superare la Norvegia come primo mercato continentale dei veicoli elettrici anche la manifattura transalpina spicca: al primo posto tra le vendite c’è la Renault Zoe. Il fatto che la vettura della ex-Regie preceda la Nissan Leaf lascia immaginare che gli EV ormai riescano a raggiungere soprattutto il pubblico medio.

Delle due regine europee, nessuna è nel segmento premium della terza: la Tesla Model S. In queste stesse settimane un altro modello di berlina di fascia media come la Ford Fusion Energi Plug-in Hybrid vive un boom di vendite in California. Specialmente a Los Angeles, il più grande mercato metropolitano degli Stati Uniti. A giugno ne sono state comprate tante da far crescere le vendite del 39%. E che la clientela di fascia media gradisca sempre più i mezzi a propulsione elettrica lo conferma anche che su base nazionale sono state consegnate 5.500 Fusion Energi, malgrado le vendite di EV si siano “imballate”.

vendite europa veicoli elettrici
Immatricolazioni di veicoli elettrici in Europa nel primo trimestre tra 2014 e 2016 (Credito grafico: AVERE)

Tornando al mercato europeo, AVERE ricorda che nel primo semestre ha passato le 50.000 immatricolazioni, ovvero l’11,3% più dell’anno precedente quando si era fermato a 45.500. Nel complesso siamo ormai arrivati a un parco continentale di circa 253.000 unità di cui 40.000 utilitarie. In particolare, come si vede dalla infografica dell’organizzazione transalpina, la Francia ha venduto nel primo semestre 15.068 vetture contro le 12.216 della Norvegia, per la prima volta in calo come immatricolazioni.

modelli veicoli elettrici vendite europa
Quali sono i veicoli elettrici più scelti in Europa nel primo semestre 2016 (Credito grafico: AVERE).

Credito foto di apertura: Renault media website