Cinque paesi a caccia della «Gigafactory» della taiwanese ProLogium

Dopo l’elettronica di consumo, si avvicina la commercializzazione di celle solid state, con in prima fila come clienti i gruppi Mercedes-Benz e VinFast che hanno già investito nella società diretta da Vincent Yang

Il produttore asiatico di celle con elettroliti allo stato solido ProLogium annuncia ufficialmente l’apertura di una Gigafactory insediata in Occidente.

La fabbrica di batterie dell’azienda di Taiwan, che sarà costruita in Europa o negli Stati Uniti, avrà una capacità annua a regime di 120 GWh, circa tre volte quella dell’impianto Tesla/Panasonic a Spark, Nevada.

Come possibili sedi europee, Germania, Francia, Olanda, Polonia, e Regno Unito sono entrate nella shortlist mentre per gli Stati Uniti ProLogium non ha nominato possibili siti produttivi più precisamente. Una decisione su dove potrebbe essere costruita la prima fabbrica di batterie all’estero dovrebbe essere presa nel primo trimestre del 2023.

La costruzione del polo produttivo è pianificata in tre fasi. Gli investimenti dovrebbero ammontare a un totale di $8 miliardi di dollari nei prossimi dieci anni. ProLogium stima che la sua prima Gigafactory occidentale creerà oltre 6.500 posti di lavoro entro il 2031.

A gennaio il gruppo Mercedes-Benz aveva annunciato una partecipazione nel capitale ProLogium per un importo stimato a due cifre in milioni di euro: ha concordato con la società taiwanese uno sviluppo congiunto di celle per batterie di prossima generazione.

A luglio inoltre è stato confermato che il produttore vietnamita di veicoli elettriche VinFast ha investito milioni in ProLogium, da cui prevede di ricevere celle con elettroliti allo stato solido a partire dal 2024. In un accordo tutto taiwanese, ProLogium punta anche alla fornitura al gruppo degli scooter elettrici Gogoro.

ProLogium prevede di rendere operativo il primo impianto di produzione commerciale di celle solid state all’inizio del 2023: quell’impianto-pilota sarà progettato per una capacità massima di 3 GWh. Pro Logium ha realizzato già celle (da 15mAh a 1Ah) destinate all’elettronica di consumo in passato, nonché iniziato un processo di validazione e certificazione per batterie con capacità appropriata per i veicoli elettrici (50-60Ah, visibili nella foto in apertura) insieme a gruppi dell’automotive.

Una quota significativa della capacità produttiva della prima produzione commerciale disponibile finirà in modelli VinFast, senza che i dettagli siano stati quantificati con precisione. Inoltre, entrambe le parti stanno prendendo in considerazione la creazione di una joint venture per la costruzione di una fabbrica di celle con elettroliti allo stato solido in Vietnam. VinFast e ProLogium avevano già concluso una prima lettera di intenti nel 2021, prima di passare a contratti vincolanti.

Credito foto di apertura: sito web ProLogium