Citroën presenta E-C4 X: la berlina francese si allunga (24 centimetri)

La marca transalpina del gruppo Stellantis in autunno aprirà gli ordini per la berlina a quattro porte rialzata e con design fastback che sarà venduta con alimentazione benzina, diesel e (al 30%) elettrica pura

A pochi giorni dal lancio della nuova Peugeot 408 (uscita con un importante ruolo per l’ibrido ricaricabile a fare da battistrada all’elettrica pura), Stellantis solleva il velo anche su una variante della 100% elettrica Citroën: la nuova E-C4 X. Come sottolinea la casa, vuole soprattutto fondere le forme eleganti di una fastback con la raffinatezza di una 4 porte e l’assetto da SUV.

Per quelli che (come chi scrive) hanno un curriculum con include anni passati a seguire le competizioni automobilistiche, assetto va a braccetto con altezza da terra ridotta, ma tant’è: il marketing…

A parte questa considerazione, la C4 rivisitata accoglie le ultime novità della C5 X, senza cambiare alcuni aspetti di E-C4 (e della C4 termica). Come ad esempio il pronunciato sbalzo nella parte anteriore: a dirla tutta non si tratta di un tratto tipico da elettrica pura, che anzi tendono a esibire cofani corti.

L’identità visiva del prodotto più recente del marchio transalpino è punteggiato ancora da un’illuminazione a LED “a due piani”. È invece nella visuale della parte posteriore che si rinnova la Citroën E-C4 X. Senza esagerare in fughe in avanti di design che a volte i francesi hanno proposto in passato, la nuova versione soprattutto punta sulla cifra da fastback.

Così la linea del tetto scende delicatamente verso la coda, che comunica anche all’occhio di aver messo su un po’ di muscoli ma, appunto, senza esagerare. Ma forse creando difficoltà a definire questo modello una compatta vera e propria come la E-C4 da cui deriva.

In Francia gli esperti e amatori del marchio ritengono che anche con le luci sia riuscita l’ispirazione originaria tratta dalla GS dell’attuale C4 e quella che specie nella parte posteriore richiama la C Élysée. Sarà quindi necessario osservare questa Citroën E-C4 X di profilo o da dietro per capire davvero che no, non è “solo” la C4. Questa nuova parte posteriore ci permette ancora di apprezzare un design con un’aria più raffinata rispetto al suo predecessore.

Le dimensioni: 4,60 metri di lunghezza per 1,80 di larghezza e 1,52 di altezza. Sono 24 cm in più rispetto alla E-C4, senza variare larghezza e altezza. Alla piattaforma EMP2 si conforma anche il passo di 2,67 metri (credito foto: ufficio stampa Stellantis / Quentin Decorps @ ContinentalProductions)

Una volta a bordo, la Citroën E-C4 X accoglierà in una cabina che è molto familiare per il marchio, e il programma Citroën Advanced Comfort sarà condiviso con altri modelli della gamma. I comodi sedili sono altrettanto larghi e imbottiti (15 mm di schiuma speciale). Di fronte, il cruscotto riunisce anche tutto ciò che è noto e che è indispensabile per comfort e connettività, come touch screen HD da 10 pollici, head-up display

Il tutto senza dimenticare l’ingegnoso cassetto rivestito col porta-tablet, che sormonta il vano portaoggetti. Anche la console centrale è identica, con caricabatterie a induzione, porte USB e memoria a due piani. Infine troveremo il tocco dell’illuminazione ambientale a LED del cruscotto digitale. I punti di forza della E-C4 sono stati quindi mantenuti.

È quindi nella parte posteriore che questa Citroën E-C4 X si concede una piccola novità. I passeggeri posteriori beneficiano di un generoso spazio per le ginocchia di 198 mm e di un pavimento piatto. A questo si aggiunge uno schienale più inclinato (27 gradi), per una comoda seduta su tutti i tipi di viaggi. La larghezza di 1.366 mm alle spalle e 1.440 mm ai gomiti e naturalmente conservata.

Last but not least: lo spazio per il bagagliaio, curato per rimediare a un passo falso della C4 terza generazione, in cui il volume era di soli 380 litri e che invece ora dichiara una capacità di 510 litri grazie ai tratti rielaborati della E-C4 X.

Va anche notato che il portellone lascia il posto a un bagagliaio, separando completamente i passeggeri dai bagagli. Un dettaglio che piacerà particolarmente ai clienti professionali, alle flotte di noleggio private e alle auto con conducente.

Quanto a scheda tecnica, la Citroën E-C4 X dichiara quello che conosciamo nel modello attuale: quindi un motore da 100 kW (136 cavalli) e 260 Nm di coppia. La velocità massima è di 150 km/h e da 0 a 100 km/h si transita in 9,5 secondi in modalità Sport. Cosa aspettarsi prestazioni simili in termini di fluidità e silenziosità.

La nuova versione si basa su una batteria agli ioni di litio da 50 kWh con impianto a 400 V e promette 360 chilometri di autonomia misurati col ciclo WLTP, 10 in più rispetto all’attuale E-C4 sulla carta, senz’altro grazie all’aerodinamica più favorevole, viene da pensare.

Secondo Citroën, sono principalmente i tempi di ricarica che sono stati ottimizzati. La E-C4 X promette 30 minuti per passare dallo 0 all’80% in carica rapida di 100 kW. Si tratta di circa 10 chilometri di autonomia acquisiti al minuto, il che lo renderebbe la più veloce nel suo segmento. Su un Wallbox, la ricarica richiederà 7 ore e 30 minuti in monofase e 5 ore con il caricabatterie di bordo da 11 kW (opzionale).

I prezzi non sono ancora stati indicati e saranno comunicati all’apertura degli ordini il prossimo autunno. Come la C4, anche la C4 X sarà prodotta nello stabilimento Stellantis di Villaverde, vicino a Madrid e commercializzata in 80 paesi. Secondo la casa, la versione elettrica dovrebbe rappresentare circa il 30% degli ordini complessivi, come nel caso di C4. Si prevede inoltre il 45% delle vendite di benzina e il 25% di diesel.

Credito foto di apertura: ufficio stampa Stellantis