La nuova era della realtà aumentata su Q4 E-Tron

Il SUV elettrico Audi in arrivo tra poche settimane avrà un head-up display di nuova generazione a prova di distrazione, e in opzione l’MMI touch da 11,6 pollici: il più grande finora apparso su una vettura di Ingolstadt

Non abbiamo pregiudizio alcuno sulla qualità degli interni appena svelati per la nuova Q4 E-Tron, né per l’efficacia del suo bagagliaio da 520 litri o per lo spazio disponibile in grado di accogliere cinque persone a bordo del SUV elettrico Audi, che in Italia si può ordinare da metà febbraio.

Ma se la qualità dei materiali della selleria o dei gadget distribuiti nell’abitacolo di un modello premium da lustri ormai non sorprende più, invece per chi è interessato all’innovazione e all’automazione nel mondo dell’auto un contenuto di novità nella dotazione tecnologica che Audi ha collocato su Q4 E-Tron riesce ancora a sorprendere.

Se non avete ancora guardato il video che precede queste righe, precisiamo che ci riferiamo in particolare alle novità del dispositivo di realtà aumentata che arricchisce l’head-up display del SUV di Ingolstadt (che sarà però costruito a Zwickau, nella fabbrica che produce solo modelli all electric).

Ad esempio: durante l’attivazione dell’Adaptive Cruise Control il sistema richiama il dispositivo di avvertimento di abbandono della corsia, ponendo una linea rossa sulla linea divisoria per far saper al guidatore che si sta spostando troppo da un lato.

Come se non bastasse, all’interno dell’area di visualizzazione, che ha una diagonale da 70 pollici, una animazione individua e traccia il veicolo che precede in modo costante.

Il navigatore colloca adesso lungo ogni svolta di un percorso segnali virtuali di una chiarezza da far invidia a chi colloca i pannelli negli aeroporti per togliere a chi è al volante ogni minimo dubbio sulla direzione corretta.

Quello che può apparire un perfezionamento di una tecnologia già apparsa in altri modelli è in effetti un acrobatico percorso di messa a punto di un nuovo sistema di realtà aumentata che nella nuova Audi elettrica raccoglierà oltre un migliaio di segnali da sensori che circondano la Q4 E-Tron trasmessi a un software denominato AR Creator per consentirgli di piazzare le icone e i contenuti grafici esattamente al punto migliore nel campo visivo, persino compensando la posizione su strade accidentate o se si passa su un rallentatore.

All’interno della plancia c’è il cuore del sistema, la Picture Generation Unit, che da un display LCD invia fasci di luce a due specchi piatti, che li proietta verso un riflettore concavo dal quale gli input raggiungono il parabrezza in un’area denominata eyebox.

Per chi non vorrà accontentarsi sarà possibile anche scegliere un nuovissimo touch screen da 11,6″ in alternativa a quello da 10,1″ che si trova sulla maggior parte delle vetture dei quattro anelli. Dietro al volante il guidatore vedrà spuntare un altro schermo ipertecnologico da 10,25″.

I volanti a doppia razza hanno, invece dei bottoni, superfici touch che analogamente agli smartphone sono in grado di gestire anche i movimenti di swipe, come per scorrere un menu (credito foto: ufficio stampa marca Audi/VW Group Italia)
Credito immagine di apertura: ufficio stampa marca Audi/VW Group Italia