Spuntano le prese anche sui SUV Audi Q3

In arrivo nel primo trimestre 2021 nelle concessionarie italiane Q3 e la Q3 Sportback, i prossimi modelli in versione con la presa: potenza massima di 235 cavalli e 400 Nm di coppia

Audi in questi giorni ha confermato che sulle tecnologie del futuro investirà quasi 17 miliardi di euro, di cui circa la metà saranno finalizzati a mobilità elettrica, ibridazione e digitalizzazione, nel quadro dei programmi ATP (piano di trasformazione Audi) e Audi Zukunft (che significa futuro in tedesco). Curiosamente nella nota non si trova traccia del Progetto Artemis, forse perché pur se affidato ad Audi è destinato a 360° a influenzare tutti i marchi del gruppo; non è chiaro se il relativo budget sia incluso nei 17 miliardi o a parte.

Nel frattempo accanto a prospettive avveniristiche che riguarderanno a lungo termine soprattutto elettriche pure, Audi continua a distribuire le soluzioni delle combinazioni ibride plug-in su tutta la sua gamma, e in particolare per i suoi SUV di successo. Il marchio dei quattro anelli ha confermato che saranno la Q3 e la Q3 Sportback i prossimi modelli a ricevere una versione con la presa, attesi in Italia nel primo trimestre del 2021.

I loro fratelli maggiori Q5 e Q7 avevano già ricevuto una tale opzione di motorizzazione e Audi aveva recentemente annunciato l’arrivo dell’ibrido plug-in A3. Il piccolo SUV è pertanto l’ultimo ad essere aggiunto alla lista, insieme alla sua versione coupé Sportback.

L’Audi Q3 45 TFSI E, il suo nome completo secondo l’attuale nomenclatura del costruttore, sarà basata sul quattro cilindri 1.4 TFSI da 150 cavalli a cui si aggiungerà un motore elettrico da 116 cavalli, per un totale di 245 cavalli (nella versione con impostazione elettrificata equivalgono a 180 kW). L’assieme eroga una coppia massima di 400 Nm grazie al cambio a doppia frizione a sei rapporti S Tronic.

La batteria da 13 kWh si trova sotto il pianale, proprio davanti all’assale posteriore grazie alle sue dimensioni compatte. Consentirà alla clientela delle Q3 e Q3 Sportback di avere un’autonomia completamente elettrica di 51 km secondo lo standard europeo WLTP. Le emissioni dichiarate sono di 32/39 grammi di CO2 al chilometro per il SUC compatto e di 33/38 per quello coupé.

Audi ha scommesso sull’efficienza con quattro modalità di guida. Il primo, Auto-Hybrid, funziona in modo classico, alternando il motore elettrico e il TFSI a seconda della situazione, per una gestione smart dell’energia. Due modalità hanno lo scopo di ottimizzare la batteria e il suo utilizzo. Denominate Battery Hold e Battery Charge, mantengono rispettivamente il livello di carica presente o lo aumentano, ad esempio nelle tangenziali attorno ad aree urbane, per poterle attraversare senza emettere CO2.

In modalità Dynamic, la Q3 può dispiegare il massimo di energia; l’unità elettrica è in grado di sviluppare da sola 330 Nm di coppia per una decina di secondi. In questa modalità, aumenta la rigenerazione durante le fasi di frenata e decelerazione per poterla utilizzare il più possibile in seguito.

Credito foto di apertura: ufficio stampa marca Audi/VW Group Italia