Il debutto delle batterie Toyota solid state avverrà sugli shuttle dei Giochi Olimpici

La diffusione di massa delle celle con elettroliti allo stato solido ancora non è dietro l’angolo, ma su alcuni esemplari di e-Palette in servizio nel 2020 ai Giochi di Tokyo saranno montati dei prototipi

Tra le molte opportunità di anteprime che la prossima edizione dei Giochi Olimpici fornirà a Toyota, uno dei principali partner dell’evento ospitato da Tokyo l’anno prossimo, ci sarà il debutto della tecnologia degli elettroliti allo stato solido su un veicolo autonomo della casa delle tre ellissi: sarà infatti installato su shuttle e-Palette a guida autonoma che saranno schierati nel villaggio degli atleti.

La conferma è arrivata dal chief technology officer Shigeki Terashi nelle giornate che precedono l’apertura del Salone Auto di Tokyo. L’ingegnere Toyota è stato anche però attento a precisare che non ci si può ancora attendere che la tecnologia solid state diventi una opzione utilizzata in massa per le celle delle batterie già nei prossimi mesi.

Piuttosto per Toyota questa sembra l’occasione di una vetrina per un campo di ricerca nel quale il gruppo giapponese è riconosciuto unanimemente come uno dei più attivi e, in aggiunta, tra quelli con maggiore successo visto il corposo numero di brevetti già accumulati grazie ai suoi ricercatori.

Quando la tecnologia delle batterie Toyota solid state sarà pronta per la produzione di massa tutta la gamma sarà dotata di celle con elettroliti allo stato solido, ha detto Terashi. Un ritmo di innovazione che sembra appropriato per i piani sempre stilati con largo anticipo da Toyota. Come ricorderete, a dicembre del 2017 il gruppo nipponico aveva svelato di puntare ad elettrificare tutta la propria gamma entro il 2025, sia per il marchio Toyota che per quello Lexus.

Se la maggior parte dei modelli al 100% elettrici si vedranno per primi sul mercato principe del settore (la Cina), in Europa Terashi ha confermato di attendersi un lancio di un modello elettrico puro su una piattaforma dedicata entro il 2023. Tre altri modelli al 100% elettrici lo precederanno: una Lexus spinta dalle sole batterie di trazione sviluppata su una piattaforma attuale e le già annunciate versioni elettriche dei furgoni Proace e Proace City.

Secondo quanto riferisce la testata britannica Auto Express un e-Palette spinto da celle con elettroliti solid state sarà usato come “star” per qualche evento particolare, che potrebbe essere la staffetta della fiamma olimpica oppure le cerimonie di apertura e chiusura. Ma una dozzina di e-Palette dotati di pacchi batteria solid state farà comunque parte della flotta in azione al villaggio olimpico, accanto ad altri shuttle autonomi spinti da celle agli ioni di litio con elettroliti liquidi convenzionali.

Quest’ultimo tipo di e-Palette sarà quello presente al Salone Auto di Tokyo, in una versione peraltro aggiornata rispetto alla prima edizione presentata all’edizione 2018 del seguitissimo CES di Las Vegas.


Credito foto di apertura: ufficio stampa Toyota Motor Corp.