Dal 2020 Clio, Megane e Captur elettrificate, e dal 2019 mini-SUV Renault per la Cina

I modelli francesi più popolari avranno in gamma versioni ibride e ibride plug-in, e già dall’anno prossimo parte la caccia al primato tra le piccole elettriche in Cina col concept Renault K-ZE

Carlos Ghosn, numero uno dell’Alleanza franco-giapponese e di Groupe Renault, ha scelto il Salone di Parigi per presentare i prossimi passi nella strategia di elettrificazione della gamma della casa di Billancourt, previsti nel piano strategico “Drive the Future“.

A partire dal 2020 (anno in cui in Europa si inaspriranno le normative sulle emissioni di CO2) versioni ibride e ibride plug-in saranno disponibili su tre dei suoi modelli più popolari: Clio, Mégane ed il crossover Captur. La clientela dei modelli francesi dei segmenti B e C potrà scoprire le soluzioni intermedie di elettrificazione con e-Tech, una tecnologia al 100% Renault.

Inoltre già dal prossimo anno sarà commercializzato in Cina un veicolo elettrico urbano accessibile (leggi a basso prezzo) per attaccare un mercato, quello del segmento A elettrico, in cui finora le quote dei gruppi occidentali inseguono quelle dei player locali, quote a cui Ghosn mira da tempo.

Con il concept Renault K-ZE a Parigi la casa transalpina mostra un mini-SUV con autonomia di 250 km in ciclo NEDC: certo limitata, ma migliore di molti modelli, poco più che quadricli, oggi proposti da case cinesi alla clientela urbana e suburbana.

Con l’ambizione di andare oltre le caratteristiche di mera citycar elettrica, K-ZE pretende di fare leva sulle dimostrate capacità del gruppo francese di spremere il massimo dalla tecnologia disponibile restando accessibile nei prezzi. Un esercizio riuscito con il marchio Dacia e, in India, con lo spartano modello locale Renault Kwid.

Ora Ghosn pare convinto di poter ripetere quel successo anche con la joint venture e-GT New Energy Automotive Co, partita l’anno scorso tra Dongfeng Motor ed i giapponesi di Nissan.

Il mini-SUV K-ZE prevederà soluzioni per facilitare la vita ai clienti: a cominciare dal semplice duplice sistema di ricarica, compatibile con le prese domestiche e le infrastrutture pubbliche.

Oggi Ghosn ha anche condiviso coi suoi ospiti ed invitati anche la sua visione delle future esperienze a bordo e ha svelato AEX (Augmented Editorial Experience), una nuova partnership col gruppo media Challenges che sarà presentato domani (2 ottobre) al Salone dell’Auto di Parigi, e che punta a rispondere alle maggiori attese dell’impiego del tempo necessario al tragitto coi futuri veicoli autonomi, dimostrato sulla concept-car autonoma di Renault.


Credito foto di apertura: ufficio stampa Renault Italia/Anthony Bernier