Le consegne americane di Amazon Prime nei bagagliai delle auto Volvo e GM

Con l’app che apre le porte di casa Amazon Key, in trentasette città americane sono possibili le consegne di Amazon Prime nei bagagliai delle auto Volvo e GM

Prima che solleviate il dito indice per farci notare: “non è una novità”, vi precediamo. Avete ragione, non è una novità. Nel 2016 c’è stato in Germania il progetto pilota Smart-ready-to-drop che ha visto insieme la marca del gruppo Daimler e DHL.

E in precedenza a studiare la consegna nei bagagliai delle auto erano state ancora DHL con Audi e Amazon e la svedese Volvo Cars, con esperimenti effettuati in Scandinavia ed in Svizzera.

Ma ora il lancio di un servizio regolare che si incentra sulle consegne nei bagagliai grazie ad una app vale comunque una notizia: di mezzo non c’è un riconosciuto colosso della logistica come DHL o UPS, ma una società che ormai si è trasformato in un vero ecosistema come Amazon.

Stavolta l’idea ruota attorno al servizio Amazon Key, che già da tempo permette (solo negli Stati Uniti per ora) al personale delegato dal gruppo di Seattle di accedere temporaneamente alle abitazioni degli aderenti anche in caso di assenza.

Una soluzione che alcuni hanno cominciato a preferire, quella della chiave digitale usa-e-getta che viene comunicata via smartphone al personale delle consegne, di fronte ai continui e crescenti furti di pacchi lasciati davanti all’uscio di casa.

Nella sua versione a “quattro ruote”, il servizio permetterà di aderire ai clienti Amazon Prime di 37 diverse città americane, purché dispongano di modelli General Motors dal 2015 in poi dotati di sistema On Star, o a chi possiede Volvo dotate della piattaforma On Call, che tra le recenti sono la maggioranza.

Semplificare l’esperienza del cliente è centrale nella prospettiva digitale Volvo. Ricevere un pacco in modo sicuro ed affidabile nella propria auto è qualcosa che crediamo molte persone apprezzeranno. Questo mix di auto e commercio sta avviando la prossima ondata innovativa e intendiamo esserci”, ha dichiarato nella nota Atif Rafiq, il chief digital officer Volvo Cars.

In Europa, incluso in Italia, Volvo On Call è già disponibile, così come il servizio On Star. Ma per ora non ci sono segnali che le consegne Amazon Prime nei bagagliai delle auto Volvo e GM siano un’opzione imminente anche di qua dell’Atlantico. Non sarà un problema per chi parcheggia regolarmente nei locali sotterranei: pare che in America l’app lì sotto ancora non funzioni.


Credito foto di apertura: ufficio stampa Volvo Cars