L’adozione della guida autonoma sarà molto Serena

Cosa fanno sistemi di assistenza alla guida di Livello SAE 2 ad un minivan da €24.000? Decollare le vendite…

Il piccolo minivan Nissan Serena è il primo veicolo della sua fascia (in Giappone parte da 3 milioni di yen, al cambio attuale circa €24.000) ad offrire ai clienti dispositivi di assistenza alla guida di Livello 2 SAE: quelli previsti dal Pro Pilot. Significa che chi ne dispone può cedere uno o più funzioni di controllo del veicolo ai sistemi autonomi in situazioni ben definite, riprendendone il controllo ogni qualvolta non ci siano i presupposti.

Sistemi di questo livello finora davamo per scontato fossero limitate agli agiati proprietari di Tesla Model S o Mercedes-Benz Classe S. Invece anche la piccola ma giudiziosa Serena è in grado di accelerare, frenare o navigare il traffico di un’autostrada intasata su singola corsia.

Ed anche di richiamare all’ordine il guidatore, se questi stacca le mani dal volante troppo a lungo. Com’è stata l’accoglienza della clientela? Le vendite totali recenti sono migliorate del 67% ed il 60% dei giapponesi che hanno acquistato il minivan hanno scelto di adottare il Pro Pilot.

Il successo derivante dalla coraggiosa decisione di mettere sistemi di Livello 2 SAE su un mezzo per la classe media invece che, diciamo, su una Infiniti, ha fatto decidere alla casa giapponese di offrire il Pro Pilot anche sul ristilizzato X-Trail. Si tratta di un SUV in una fascia di prezzo analoga a quella della Serena, e gli ordini indicano che ben l’80% dei clienti lo richieda.

Così l’italiano Daniele Schillaci, che supervisiona le operazioni Nissan in Asia, ha potuto dichiarare all’agenzia Bloomberg: “Il successo immediato del Pro Pilot ci ha dato un vantaggio di partenza. E costituisce anche un pilastro per le tecnologie autonome future“. Il favore verso i dispositivi per la guida autonoma dimostrato dai clienti Nissan giapponesi pare destinato ad allargarsi su base globale, visto che anche su Qashqai e la nuova Leaf, che dovrebbe essere presentata a settembre, il Pro Pilot appare ormai scontano.

Quello della discesa dei dispositivi per la guida autonoma verso i segmenti da grandi volumi è un fatto che non è limitato ai costruttori generalisti ma ora riguarda anche quelli premium. Mercedes-Benz sulla prossima versione della Classe A, di cui gli inglesi di Autocar hanno appena pubblicato foto cammuffate, ha in programma di montare i suoi sistemi di Livello 2 SAE.

Abbiamo cominciato a vederli sulla nuova, lussuosa Classe S svelata al salone di Shanghai. Un’auto in grado di gestire in autonomia col suo Distronic Plus anche rotonde o curve particolarmente impegnative. Sulla Classe S in autostrada si può anche uscire dalla propria corsia per sorpassare, anche se è il guidatore a indurre all’azione il sistema azionando la freccia. I dispositivi di Livello 4 SAE non avranno bisogno di incoraggiamento…

Anche Audi, le voci suggeriscono, porterà sui modelli di piccola taglia il suo Virtual Cockpit, per non perdere di vista la concorrenza. In altre parole, se nel mondo dell’elettrificazione il fattore decisivo dei costi, il calo dei prezzi delle batterie è costante ma lento, nell’automazione è possibile che si assista ad un imminente crollo dei prezzi dei dispositivi. Solo i LiDAR hanno ancora prezzi proibitivi, ma anche questo settore è in fermento.

Di sicuro l’idea che le auto a guida autonoma siano essenzialmente delle Tesla da €100.000 sembra essere destinata a diventare un intervallo, un gradino del processo di sviluppo di questa tecnologia, più che una realtà a lungo termine. E la diffusione dei dispositivi di assistenza di ogni tipo sta accelerando.

Se Nissan in Giappone anche grazie al Pro Pilot della Serena ha potuto superare Honda nelle vendite, escluse le kei-car, la reazione non si fa attendere. Proprio ieri all’Honda Meeting 2017 l’amministratore delegato ha annunciato che il pacchetto Honda Sensing (che comprende da ACC a sistema di mantenimento in corsia) sarà presente come standard su tutti i modelli in uscita in Giappone: inclusa la prossima mini-car N-Box. Se i gruppi dell’auto sono già in grado di collocare su mini-auto che abitualmente danno mini-profitti i  sistemi ADAS di Livello 1 SAE, non occorrerà aspettare troppo per quelli più evoluti…

Pro Pilot Nissan


Credito foto di apertura: ufficio stampa globale Nissan Motor Co.