Uber a Londra si dota di una flotta di Leaf elettriche

Nella capitale inglese sono in azione venti Nissan impiegate in servizi di ride sharing

Nissan ha diffuso una nota in cui annuncia di avere stretto un accordo con Uber per un nuovo progetto che utilizza veicoli elettrici per ridurre l’inquinamento dell’aria a Londra e nel Regno Unito. Venti Nissan Leaf elettriche sono state consegnate ad Uber nell’ambito di un programma ad ampio raggio di prove di veicoli elettrici. La casa giapponese ha recentemente introdotto una nuova versione Leaf con batteria da 30 kWh. L’autonomia è maggiore del 26% rispetto al modello precedente e percorre fino a 250 Km con una singola ricarica.

Gareth Dunsmore, Direttore Veicoli Elettrici Nissan Europa, ha dichiarato: “Siamo lieti di lavorare insieme a Uber per un progetto così importante a favore del miglioramento della qualità dell’aria a Londra e in tutto il Regno Unito. Siamo fiduciosi sul risultato positivo di questa iniziativa e anche che Uber entrerà presto a far parte del gran numero di taxi e di operatori nel settore del noleggio di auto private nel Regno Unito e in tutta Europa che sperimentano i benefici economici e ambientali dei veicoli elettrici Nissan”. 

Condotto in collaborazione con l’Energy Savings Trust (EST), lo studio esaminerà le problematiche del noleggio di un gran numero di vetture elettriche private nel Regno Unito. L’EST studierà l’esperienza, le abitudini di guida e i risparmi economici degli autisti di ride sharing che utilizzano auto elettriche. Inoltre guarderà alla capacità dell’attuale rete londinese di mettere a disposizione adeguati punti di ricarica a supporto dei veicoli a zero emissioni.

E’ la prima volta che veicoli elettrici sono disponibili a Londra attraverso l’app Uber. Peraltro la società di San Francisco ha già condotto programmi analoghi con altri partner negli Stati Uniti. Attualmente già il 60% dei viaggi dei passeggeri di Uber a Londra ha luogo su veicoli ibridi. La società diretta da Travis Kalanick punta ad esaminare i benefici economici e ambientali derivanti dal passaggio all’elettrico al 100% prima dell’introduzione nella capitale britannica della Ultra Low Emissions Zone nel 2020.

Jo Bertram, Direttore Generale Regionale di Uber nel Regno Unito, ha commentato: “Le persone associano Uber ai veicoli ibridi ma ora vogliamo fare un passo in avanti mettendo su strada auto totalmente elettriche in totale assenza di emissioni acustiche e atmosferiche. Vogliamo utilizzare la tecnologia per affrontare il tema dell’inquinamento dell’aria a Londra e in tutto il Regno Unito. Il nostro servizio ha già fatto risparmiare 1,9 milioni di chilometri e 211 tonnellate di CO2. Coi veicoli elettrici e con sempre più persone che condividono i viaggi lasciando la vettura di proprietà a casa, possiamo fare molto di più”.

Nissan Leaf Uber Londra


Credito foto di apertura: Nissan media website