Per Samsung adesso è ora di correre in auto

Il gruppo coreano interessato all’acquisto della casa italiana di componentistica Magneti Marelli

Stamattina l’agenzia Bloomberg ha rivelato che Samsung Electronics sarebbe in pole position per acquistare Magneti Marelli dal gruppo FCA, proprietaria dell’azienda italiana. Sarebbe l’operazione più importante effettuata fuori dal proprio paese e dal potenziale valore di $3 miliardi. L’azienda coreana da poco ha perfezionato l’acquisto del 4% del produttore di auto e batterie cinese BYD (per quasi mezzo miliardo di dollari). A così breve distanza dall’investimento nel numero uno mondiale della produzione di auto elettriche, l’operazione in Italia confermerebbe la voglia di Samsung di diventare protagonista a tutto tondo nell’automobile di nuova generazione.

L’interesse coreano per la casa italiana è facilitato dai rapporti esistenti tra le aziende dal 2009, quando hanno iniziato a collaborare su schermi per navigazione ed infotainment per auto. Inoltre il vicepresidente Lee Jae-yong dal 2012 è nel consiglio di amministrazione di Exor SpA, la finanziaria della famiglia Agnelli. Lee sta spingendo molto per diversificare il business aziendale di Samsung al di fuori di quello tradizionale che spazia dalla telefonia agli elettrodomestici. La casa coreana è particolarmente interessata alle divisioni che si occupano di illuminotecnica, di infotainment in auto e di telematica.  Ma la rete commerciale di Magneti Marelli comprende molti altri settori che darebbero spessore alla presenza tecnologica di Samsung nell’automotive.

Nell’immediato futuro la vendita sarebbe un consistente supporto verso la redditività di FCA, ma a medio termine l’accordo tra coreani e Magneti Marelli suggerisce un successivo rafforzamento dei rapporti tra FCA e Samsung. O magari BYD, che nel 2015 era il secondo produttore di batterie per auto dopo Panasonic. L’amministratore delegato di FCA Marchionne, che in passato parlava di auto elettriche solo per dire che ogni 500 venduta gli costava $14.000, di recente ha lasciato capire che pensa ad una Maserati e ad una piccola vettura cittadina spinte da batterie. Che a questo punto potrebbero probabilmente provenire dai produttori asiatici già partner e ben inseriti nel mondo dell’elettrico, accelerando lo sviluppo dei progetti allo studio.


Credito foto di apertura: Samsung Electronics via Flickr