Peugeot compila la scheda tecnica della 308 elettrica, puntando all’efficienza

Ecco la versione al 100% elettrica della 308 che uscirà nel 2023: ha un consumo combinato da record (12,7kWh/100 km) ma potenza di 156 cavalli e batteria da soli 51 kWh.

All’interno del gruppo Stellantis, Peugeot aveva già annunciato per il 2023 il lancio di una versione elettrica dell’ultima 308, che aveva già due versioni elettrificate come PHEV. Ma non ha aspettato fino al nuovo anno per svelarla, considerato che c’è ormai alle porte il Salone Auto di Parigi.

Perciò il marchio di Sochaux fornisce già le caratteristiche tecniche di questa nuova 308 elettrica, disponibile in berlina e station wagon nel 2023, anche con opzione di acquisto online con un percorso al 100% digitale.

Sotto il cofano, si troverà un nuovo motore da 115 kW, ovvero 156 cavalli: una potenza di 20 unità superiore a E-208 ed E-2008, ma anche abbastanza modesta nella categoria dei veicoli elettrici compatti, abbinata ad una coppia massima di 260 Nm. Ma la vera perplessità degli addetti sarà certamente quella che riguarda la capacità della batteria, con catodi di tipo NMC 811 (80% nichel, 10% manganese, 10% cobalto).

La capacità totale è infatti di 54 kWh, ovvero appena 4 kWh in più rispetto alla batteria dell’E-2008. La capacità netta è di 51 kWh, ossia 9 kWh meno della batteria più capiente della Mégane E-tech, la nuova regina francese delle vendite elettriche.

Con questo pacco batterie nel pianale (che, si badi, è ancora l’ex-PSA EMP2 e non una nuova piattaforma STLA) Peugeot si sente di promettere un’autonomia di poco più di 400 chilometri misurati con ciclo WLTP.

Considerato che alla presentazione nemmeno alla stampa transalpina è stata fatta menzione di pacchi batterie più generosi in uscita in seguito, la voce autonomia nella scheda tecnica sembra un po’ limitativa, se si spera di proporre alla clientela la 308 elettrica come potenziale prima auto.

La casa del leone d’altra parte preferisce replicare sull’efficienza della combinazione scelta: indica infatti che l’E-308 diventerà un riferimento nel suo segmento, promettendo un consumo combinato di 12,7 kWh per 100 chilometri. Il che sarebbe molto buono se ci fosse un po’ più di generosità col numero di celle nel pianale. La Mégane è omologata nel migliore dei casi con 15,5 kWh per 100 chilometri.

Di serie, la 308 al 100% elettrica sarà dotata di un caricabatterie di bordo trifase con una potenza di 11 kW. Quanto alla potenza gestibile in caso di ricarica rapida in AC, il 308 potrà accettare fino a 100 kW dalle colonnine autostradali e ultra-veloci in genere.

Nemmeno in questo caso, per la verità, Peugeot ha ecceduto in generosità, visto che senza considerare la famiglia tedesca basata sulla piattaforma MEB, anche in Francia si trova ad esempio (ancora) la Renault Mégane E-Tech che accetta potenze fino a 130 kW.

Alla versione elettrica in compenso saranno riservati degli allestimenti più signorili come l’Allure e sportivi come la GT. Questi si prendono cura del loro aspetto, incluso coi potenti ed efficaci proiettori LED Matrix.

Ci sono anche nuovi cerchi da 18 pollici, con un design ottimizzato per l’aerodinamica. Il suo equipaggiamento includerà anche il cruise control adattivo, il monitoraggio a lungo raggio dell’angolo cieco, l’avviso di traffico posteriore o il volante riscaldato.

Credito foto di apertura: ufficio stampa Stellantis