Là dove non ci porterà l’idrogeno, ci porterà la batteria

Lunghe distanze con la pila a combustibile e brevi distanze spinti dagli ioni di litio sono la ricetta del GLC F-Cell presentato a Francoforte

Vedete la foto qui sopra? Il GLC F-Cell che Mercedes-Benz ci ha rivelato al salone di Francoforte si potrà ricaricare in casa. Chiariamo meglio: sì, ha a bordo pile a combustibile (sviluppate dalla joint venture AFCC in Canada) e no, la casa di Stoccarda non prevede che tutti i nostri garage avranno un giorno un deposito di idrogeno a portata di mano per ricaricare il serbatoio. Un serbatoio da 4,4 chili, nel caso di questo SUV.

Quello che Mercedes propone è una originale soluzione di ibrida plug-in, per questo ricaricabile in casa, che non combina come avviene nella maggior parte dei casi un motore a benzina con uno a batteria, ma un sistema fuel cell con una batteria da 13,8 kWh in grado di spingere il SUV per 50 chilometri supplementari. La casa della stella a tre punte in questo modo è in grado di assicurare una autonomia complessiva interessante: 437 chilometri.

Perché abbinare una batteria di trazione ad una pila a combustibile? Presto detto: ad oggi le stazioni di rifornimento di idrogeno solo in Giappone hanno smesso di essere una rarità. Nella stessa Germania sono ancora una curiosità, mentre in Italia soltanto l’Alto Adige ha seriamente preso in considerazione e realizzato un’infrastruttura per questa tecnologia a zero emissioni.

Mercedes-Benz GLC F-Cell salone Francoforte
Il sistema fuel cell del Mercedes-Benz GLC F-Cell è realizzato a Vancouver da AFCC, joint venture tra Daimler, Ford e Ballard (Credito foto: ufficio stampa internazionale Daimler).

Zero emissioni ma certo non zero cavalli: ne ha 200, abbinati ad una coppia di 258 Nm. Come è comune nei veicoli ibridi si possono combinare le modalità di guida tra quattro opzioni. Con Battery si viaggia spinti solo dalle celle realizzate dalla controllata Deutsche Accumotive; in F-Cell si viaggia solo emettendo vapore acqueo alla fine della reazione delle pile a combustibile; Hybrid combina i due tipi di propulsione ed è più adatto a generare la potenza massima; infine in Charge ovviamente la priorità è la ricarica della batteria.

IL GLC F-Cell mostrato allo stand Mercedes-Benz di Francoforte è ormai una versione pre-produzione di un modello che dovrebbe apparire sulle strade a partire dal 2019. Visto un presumibile prezzo elevato, nella maggior parte o totalità dei casi si tratterà di SUV a noleggio o in leasing. In compenso, per quella data il gruppo Daimler e chi altro condivide la fiducia nell’idrogeno prevedono che saranno cresciute le stazioni di rifornimento, che già ora si possono scoprire con un’app chiamata H2.LIVE.

Mercedes-Benz GLC F-Cell
Quello visto al salone di Francoforte 2017 è il primo ibrido plug-in a combinare propulsione fuel cell ed a batteria (credito foto: ufficio stampa internazionale Daimler)

Credito foto di apertura: ufficio stampa internazionale Daimler