DATI

Cina: auto elettriche più vendute – maggio 2024

1. Tesla Model Y (39.985); 2. BYD Seagull (33.544); 3. BYD Yuan+ (24.646)

Dopo un mese di aprile fiacco, le vendite al dettaglio cinesi di veicoli a nuova energia (i NEV, ovvero versioni elettriche pure, ibride ricaricabili e veicoli con range extender) hanno rimbalzato a maggio, secondo i dati del consorzio CPCA. La quota di NEV nel primo mercato auto globale è arrivata al 47%, in aumento di 14 punti percentuali rispetto al 33% dell’anno precedente e di 3,3 punti percentuali rispetto al 43,7% di aprile. Le vendite di auto elettrificate passeggeri sono state di 804.000 unità, in crescita del 38,5% su base annua e del 18,7% rispetto ad aprile.

I dati pubblicati dalla China Passenger Car Association dicono anche che i veicoli elettrici a batteria (BEV) hanno rappresentato il 61,6% di tutte le vendite al dettaglio di NEV a maggio, con 495.000 unità. Si tratta di un aumento del 27,4% su base annua e del 22,2% rispetto ad aprile. Gli esemplari ibridi plug-in (o PHEV) hanno totalizzato 309.000, contribuendo a una quota del 38,4% di tutte le vendite al dettaglio di NEV. Si tratta di un aumento del 61,1% su base annua e del 13,6% rispetto ad aprile. I veicoli passeggeri cinesi, tra berline, SUV e monovolume, hanno venduto 1,71 milioni di unità a maggio, in calo dell’1,9% su base annua ma in aumento dell’11,4% rispetto ad aprile.

La quota del settore NEV nelle vendite al dettaglio (cioé escludendo veicoli importati, quasi tutti esemplari luxury, come Porsche o Ferrari) a maggio è stata del 71,2% per i marchi locali, del 28,4% per i marchi premium e del 7,5% per i marchi di joint venture tra case occidentali e gruppi locali, secondo la CPCA. In poche parole, i veicoli elettrici sono stati ancora un raggio di sole nel mercato auto cinese, coi produttori di auto elettriche che sfidano lo stallo dell’economia coi loro tagli ai prezzi e lanci di nuovi modelli.

Spiccavano il mese scorso BYD e NIO per aver registrato una forte crescita delle consegne, con la seconda che dopo un primo trimestre 2024 difficile ha messo a segno un +234% nelle unità vendute. Seres Group, che collabora con Huawei Technologies per produrre i modelli col brand Aito, ha registrato la maggior crescita consegnando 34.100 auto, quasi il triplo rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Infine una menzione per Zeekr (del gruppo Geely), che ha registrato vendite più che raddoppiate.

Tesla da parte sua in Cina è andata meglio che in Occidente, poiché ha venduto 55.215 veicoli a maggio, con un aumento del 76% rispetto al mese precedente. Questo si rispecchia bene nel “podio” delle vendite di modelli elettrici puri che ha visto tornare in vetta Model Y (39.985 esemplari) davanti alla prima della classifica del mese di aprile BYD Seagull (33.544) e a BYD Yuan+ (24.646).

Fuori dalla Top3 al quarto posto la BYD Qin+ con 18.721 esemplari consegnati e al quinto la GAC Aion Y (17.190). Se si guarda al mercato complessivo, la vettura più venduta è stata BYD Qin+ nella varie versioni più o meno elettriche: 48.668 immatricolazioni, precedendo la già citata Model Y. Primo modello convenzionale al quinto posto assoluto è stata Nissan Sylphy a quota 31.600 esemplari. Infine tra i modelli PHEV nel mese di maggio i primi cinque erano tutti a marchio BYD: leader Qin+ (29.947 unità).

Credito grafico di apertura: AUTO21; fonte dati: CPCA