Lanci Audi solo di elettriche pure a partire dal 2026

La produzione dell’ultimo modello Audi a combustione interna sviluppato ex novo inizierà tra soli quattro anni, anche se in Cina la domanda locale potrebbe prorogarla oltre il 2033, quando cesserà in Europa

A pochi giorni da attendibili anticipazioni di stampa, alla Conferenza sul Clima ospitata da Berlino arriva la conferma definitiva che a partire dal 2026 Audi lancerà sul mercato esclusivamente elettriche pure e che la casa di Ingolstadt interromperà la produzione di motori a combustione interna entro il 2033.

“Grazie alla nostra costante propensione all’innovazione, offriamo soluzioni individuali di mobilità sostenibile e a zero emissioni”, ha affermato Markus Duesmann, l’amministratore delegato di Audi AG, casa che ha nei propri piani a lungo termine di raggiungere un bilancio carbon neutral di tutte le attività del marchio entro il 2050. Ed ha aggiunto: “non credo nel successo dei divieti. Credo nel successo della tecnologia e dell’innovazione”.

I tempi esatti per l’interruzione della produzione dei motori a combustione interna verranno decisi dai clienti e dalle disposizioni legislative, sottolinea la casa. Al di là dei gusti e delle idiosincrasie della clientela, almeno in Europa le normative sembrano tuttavia il fattore dirimente.

La Commissione Europea come noto sta valutando di elevare il target della riduzione delle emissioni per il 2030 al 60%, rispetto all’attuale obiettivo di un taglio del 37,5%, che per il 2035, potrebbe arrivare al 100%, ovvero ammettere solo veicoli a zero emissioni locali, secondo quanto confermato recentemente alla testata Politico da tre funzionari di Bruxelles.

Audi da parte sua si aspetta che la domanda in Cina continui oltre il 2033, motivo per il quale potrebbe proseguire, limitatamente al Paese asiatico, la fornitura di vetture endotermiche prodotte localmente, il che non è un dettaglio solo industriale o commerciale, considerato che come noto le sostanze clima-alteranti non conoscono frontiere. Al tempo stesso da qui al 2026, quando l’offerta sarà trasformata all’insegna delle zero emissioni, Audi espanderà significativamente la propria gamma di elettriche pure.

L’elenco dei lanci, che comprende E-Tron GT quattro, Audi RS E-Tron GT, Audi Q4 E-Tron e Audi Q4 Sportback E-Tron, significa che nel 2021 la casa dei quattro anelli ha varato sul mercato più vetture elettriche che modelli tradizionali. Entro il 2025, il marchio potrà contare su oltre 20 modelli full electric, il che ha portato Duesmann a commentare: “con questa roadmap poniamo le basi per una netta e decisiva transizione verso l’era elettrica. Stiamo mandando un segnale: Audi è pronta”.

L’espansione dell’infrastruttura di ricarica e del ricorso all’energia rinnovabile è ritenuto dalla casa cruciale per la diffusione e l’accettazione sociale della mobilità elettrica e Audi è attivamente coinvolta in entrambi gli ambiti.

Ad esempio con il progetto-pilota recentemente annunciato per la realizzazione di hub di ricarica sostenibili e modulari per il rifornimento HPC (ovvero ad alta potenza e con soste abbreviate), così come attraverso la collaborazione con i provider d’energia per promuovere l’espansione delle fonti rinnovabili in Europa.

Credito foto di apertura: ufficio stampa marca Audi/VW Group Italia