Cina: auto elettriche più vendute – febbraio 2021

1. SGMW HongGuang Mini EV (20.167); 2. Tesla Model 3 (13.699); 3. Tesla Model Y (4.630)

I dati delle vendite cinesi a febbraio sono particolarmente importanti perché si confrontano con un mese 2020 devastato dalla crisi sanitaria. A febbraio 2021 invece secondo i dati CAAM sono andati a nuovi clienti 110.000 veicoli elettrici, plug-in o fuel cell, +584,7% su base annua ma il 38,8% meno del mese precedente. Le auto elettriche pure immatricolate sono state 89.000, con una crescita del 633% su base annua e del 38% mensile: insomma un’altra era, con le elettriche pure che sono andate alla quota del 7,5% del mercato del nuovo. Considerato che gennaio-febbraio sono abitualmente mesi deboli pare che la Cina sia destinata a riprendersi dall’Europa il titolo di primo mercato globale delle auto con la presa. Quanto ai protagonisti, SGMW è stata ancora al primo posto con 20.167 immatricolazioni della sua piccolissima (larga 2,917 metri) ed economica (da $4.200) HongGuang Mini elettrica. Tra i modelli di dimensioni medie e grandi è continuato il predominio della Tesla Model 3 Made in Shanghai (13.699 consegnate), ma per la prima volta a farel concorrenza è stata la sorella maggiore (per dimensioni, non per data di nascita) Model Y uscita dalle linee di produzione della zona franca di Lingang in 4.630 unità. A chiudere la Top5 la cittadina Great Wall ORA R1 (4.561 pezzi) e la BYD Han EV (4.100). Miglior ibrido ricaricabile come ormai consuetudine il SUV Li Xiang One EREV (2.300), che ha battuto di poche unità il migliore dei SUV dell’altra startup cinese NIO ES6 (2.252), che ha piazzato anche EC6 ed ES8 nella Top20.

Tra i 278.866 NEV immatricolati nei primi due mesi del 2021 la HongGuang Mini ha raggiunto una quota del 20% con 56.929 immatricolazioni, mentre Model 3 è arrivata a 27.531 pezzi con una quota del 10%. A chiudere il podio provvisoriamente è BYD con la Han EV (13.398). L’avvio della produzione della Model Y ha cambiato la sfida tra marchi: dopo due mesi la quota di SGMW è scesa di un punto al 22%, mentre quella Tesla è salita dal 9% di gennaio al 12% a fine febbraio, mentre BYD si è attestata all’11% del mercato dei NEV. Le elettriche occidentali, tedesche in particolare, non sono ancora una presenza, visti i numeri ancora limitati delle Volkswagen ID3 e ID4, ma a febbraio è entrata nella Top20 all’ultimo posto BMW con la IX3 (1.216 unità), costruita dalla joint venture con Brilliance a Shanyang anche per il mercato europeo.

Credito grafico AUTO21, fonte dati CAAM