Il futuro Volvo Cars, tra indipendenza e sinergie

Addio alla fusione tra casa svedese e Geely Auto, ma sarà ampliata la collaborazione in settori come auto elettriche e guida autonoma, e una nuova società sarà responsabile di powertrain ibridi e convenzionali di entrambe

È passato soltanto un anno da quando la fusione tra Volvo Cars e Geely Auto, gruppi che hanno in comune la proprietà in capo alla Zhejiang Geely Holding del miliardario Li Shufu, sembrava solo una questione di tempo. Oggi invece le due case auto hanno confermato che proseguiranno le attività mantenendo la loro indipendenza; ma i tempi richiedono cooperazione più ampia per stare al passo e quindi i manager si adeguano.

Pertanto Volvo e Geely in futuro aumenteranno le sinergie: nei settori dei powertrain convenzionali, nelle auto elettriche, per l’automazione avanzata della guida. Di particolare rilevanza la creazione di una società autonoma che si occuperà di motori a combustione interna, di trasmissioni e sistemi ibridi per le prossime generazioni di veicoli dei due gruppi.

Con l’accresciuta collaborazione e razionalizzazione della ricerca, dello sviluppo e della produzione, l’una o l’altra o entrambe potranno cercare ulteriori spazi nei mercati dei capitali, così attratti ultimamente da quello che è industria innovativa e sostenibile.

Se questo non sembra riguardare oggi Volvo Cars, la divisione Geely Auto ha in programma una offerta di azioni da 20 miliardi di yuan, circa $2,93 miliardi, alla borsa di Hong Kong dove è già quotata.

Ma chissà che il miliardario Li non abbia già in mente qualcosa per portare in borsa una o due nuove società ancora senza nome ma note internamente come Blue Geely che sono destinate a valorizzare il know how connesso a innovazione, guida autonoma e alla nuova piattaforma elettrica SEA.

Proprio la piattaforma SEA di concezione Geely e quella SPA2 di origine Volvo Cars saranno in futuro condivise fra modelli elettrici dei due gruppi, a conferma dell’intenzione di rendere economicamente ancor meno onerosi i piani ed il capitale collegati a ciascun modello grazie alle sinergie.

Li nel recente passato ha accelerato sulla ragnatela di alleanze, da Baidu a Foxconn, da Tencent a Lifan. La nuova società che sarà costituita per occuparsi dei powertrain appare anche in grado di diventare l’interlocutore futuro per Mercedes-Benz, che insieme a Geely intende sviluppare i motori termici fino a quando la filiera dei propulsori convenzionali non diventerà obsoleta.

Credito foto di apertura: ufficio stampa Volvo Cars