Cina: Top3 auto elettriche più vendute – anno 2020

Tesla Model 3 (139.925); 2. SGMW HongGuang Mini (119.255); 3. Baojun E-Series (47.704)

Il recupero del mercato dei NEV (new energy vechicles) in Cina rispetto all’inizio anno messo in pericolo dalla crisi sanitaria è continuato a dicembre e ha portato a chiudere il 2020 vedendo la quota dei veicoli con la presa salire al 6,3% delle vendite del nuovo rispetto al 5,5% dell’anno precedente. La quota delle elettriche pure è stata del 5,1%. In totale le auto con la presa (e qualche fuel cell) hanno raggiunto la cifra di 1.271.958 con una variazione percentuale positiva del 10,9% rispetto al 2019. Per il 2021 la CAAM (China Association of Automobile Manufacturers) ha previsto una crescita del 40% per il mercato nazionale dei NEV 1,8 milioni di unità, mentre il mercato nel complesso potrebbe salire del 4% a 26,3 milioni.

A prevalere tra i modelli in commercio è stata la Tesla Model 3 Made in Shanghai che è arrivata a 139.925 immatricolazioni battendo la concorrenza di tre citycar: il fenomeno SGMW HongGuang Mini (119.255), la Baojun E-Series (47.704) e la Great Wall ORA R1 (46.774). GAC Aion S ha chiuso la Top5 (45.626), mentre il miglior modello delle case un tempo dominatrici tra le elettriche BYD è stato Qin Pro (41.621). SGMW ha raccolto la miglior quota tra i gruppi auto portandosi al 15%, davanti a BYD al 14% e a Tesla attestatasi all’11%. Una delle storie clamorose del 2020 è stata la ritirata di BAIC, un tempo regina delle elettriche, da una quota 2019 del 14% al 2% dell’anno da poco concluso.

Credito grafico: AUTO21, fonte dati CAAM

Al recupero ha contribuito molto un mese di dicembre da record con 224.000 NEV immatricolati, e la novità di una grande vivacità del settore dei PHEV cresciuto del 108% rispetto al 42% delle elettriche pure, che peraltro continuano a mantenere una quota dominante dell’80% nelle vendite di NEV. Tra le ibride ricaricabili a dicembre è continuata la serie positiva del SUV LI One, che si è imposta anche nell’intero 2020 con 33.186 immatricolazioni davanti alla BMW 530Le (25.692). A dicembre l’auto elettrica pura più richiesta è stata ancora la SGMW HongGuang Mini con 33.489 pezzi davanti alla Tesla Model 3 (23.804) e alla Great Wall ORA R1 (10.010). Anche il mese scorso è continuata la crescita del nuovo modello BYD Han: per la quinta volta di fila ha migliorato le consegne arrivando al livello di 9.007 unità. Bene anche i tre modelli SUV NIO che hanno sfiorato 7.000 consegne complessive per una crescita del 121% rispetto al 2019 aiutandola a confermarsi prima tra le startup.

Le 33.489 consegne della popolarissima HongGuang Mini hanno stabilito un altro record mensile in Cina, anche se la poca differenza rispetto alle 33.094 immatricolate a novembre fa immaginare che la produzione stia raggiungendo la piena capacità. Quello che colpisce è peraltro la crescita: a giugno ne erano state consegnate 1.048, la soglia delle 10.000 è stata superata a settembre, quella delle 20.000 ad ottobre (20.631). Secondo la casa il 60% degli acquirenti sono donne e il 70% ha meno di 40 anni.

Credito grafico di apertura: AUTO21, fonte dati CAAM