L’energia che mette le ali ad Artemis GmbH

Il progetto con cui il gruppo Volkswagen vuole riprendersi il primato in innovazione diventa una divisione indipendente, annuncia il suo numero uno Alexander Hitzinger

Il progetto Artemis è già molto più di un piano. La task force Audi a cui è stato affidato il programma di sviluppare una nuova generazione di auto elettriche, autonome e connesse si è trasformata in una divisione indipendente battezzata Artemis GmbH, come ha annunciato dal suo profilo LinkedIn il suo direttore Alexander Hitzinger.

In un intervento sul social per i professionisti, l’ingegnere prodigio che ha nel curriculum dalle vittorie a Le Mans con Porsche al progetto Titan per l’auto di Apple, ha confermato che Artemis è alla ricerca di ingegneri e tecnici molto esperti, da qualunque parte del mondo provengano, con un profilo di livello alto necessario per accompagnare vetture, componenti e software d’eccellenza.

E anche, ma questo Hitzinger non lo ha scritto, in grado di portar via a Tesla la reputazione di regina dell’automobile del terzo millennio. Il sito specializzato tedesco Electrive ritiene che il gruppo di Hitzinger sia già costituito di 250 persone, anche se non è finora chiaro chi sia traghettato ad Artemis da Audi e chi provenga da fuori.

Quando il numero uno Volkswagen Herbert Diess ha deciso che dovesse essere il CEO Audi Markus Duesmann a varare il nuovo programma all’insegna dell’innovazione per rispondere al “pericolo-Tesla”, cosa che l’ex-ingegnere BMW ha eseguito nello scorso maggio, Hitzinger è stato la prima scelta per dirigere la nuova struttura.

Fino a quel momento era alla testa della divisione al lavoro sulla guida autonoma, ed era alle prese con l’integrazione dei progetti con Argo AI, la startup americana controllata in modo paritario da Ford e Volkswagen dopo l’alleanza tra i due gruppi e che ha una sede a Monaco di Baviera.

Sembra pensabile che Artemis per la parte di innovazione che riguarderà la guida autonoma possa interagire anche con Argo AI. Le caratteristiche da startup di Argo AI saranno certamente comuni ad Artemis, che ha come obiettivo produrre il primo modello, un SUV elettrico di lusso ad elevata autonomia per il 2024.

L’integrazione con il resto della struttura di Wolfsburg si vedrà quando sarà il momento di passare alla produzione: per il risultato del primo modello “partorito” da Hitzinger e collaboratori è già stato scelto il sito di Hannover, finora destinato ai veicoli commerciali del gruppo Volkswagen, ma che ha da tempo iniziato ad integrare modelli elettrici nelle linee produttive. Questa flessibilità potrebbe essere un asset per la produzione dei modelli Artemis, che inizialmente non avranno grandi numeri ma lotti da marchi luxury, non solo per Audi ma anche per Porsche e Bentley.

Credito foto di apertura: ufficio stampa Audi AG