FCA ed Engie presto partner ancora più stretti

I due puntano a entrare nella mobilità sostenibile con soluzioni e servizi innovativi, pensati per consentire agli italiani di accedervi in modo semplice e conveniente

Il rapporto tra la divisione italiana di FCA ed Engie EPS, filiale attiva nello Stivale dell’utility francese, sta per ampliarsi con un accordo di programma mirato ad avviare una joint venture che si prefigge di dare impulso alla mobilità elettrica, annunciano oggi i due partner, mediante soluzioni e servizi innovativi pensati per consentire a tutti di accedervi in maniera semplice e conveniente.

I due gruppi con l’accordo intendono dar vita a un nuovo player tecnologico italiano del settore con accesso a un portafoglio di centinaia di brevetti e solida proprietà intellettuale, un agguerrito team di progettisti elettrici e di sistemi, e con una consolidata esperienza industriale automobilistica. Alla joint venture entrambe le parti porteranno know-how, risorse umane e finanziarie, con l’obiettivo di far evolvere i portafogli di prodotto dei due Gruppi.

“La firma di questo Memorandum d’Intesa è il frutto di tre anni di proficua collaborazione tra le due aziende, collaborazione che ha consentito di realizzare progetti rivoluzionari, come la easyWallbox realizzata in esclusiva per FCA (un’unità di ricarica plug-and-play estremamente intuitiva) il progetto pilota V2G lanciato di recente e gli innovativi pacchetti energetici dedicati ai clienti”, ha dichiarato Mike Manley, amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles.

“L’elettrificazione rappresenta un trend inevitabile destinato a rivoluzionare la mobilità urbana e, soprattutto, un cambiamento di paradigma inarrestabile del sistema energetico globale. La firma di questo Memorandum d’Intesa è la testimonianza dell’impegno comune volto ad accelerare questa trasformazione verso un futuro più sostenibile” , ha commentato Carlalberto Guglielminotti, amministratore delegato e direttore generale di Engie EPS.

In passato FCA aveva firmato altri accordi con utility, tra i quali, a giugno dello scorso anno, uno con Enel X che tra i vari capitoli della collaborazione prevedeva l’installazione di colonnine in concessionarie italiane e di altri paesi mediterranei.

A valle del lancio della nuova 500 elettrica avvenuto nei giorni dello sfortunato Salone Auto di Ginevra con la prima edizione speciale, da poche settimane seguita dagli allestimenti a più ampia diffusione, prende consistenza il quadro d’insieme che riguarda il futuro prossimo del gruppo del Lingotto (e Auburn Hills).

FCA, che col partner Engie EPS prevede di firmare l’intera serie di accordi entro la fine dell’anno e di costituire la joint venture nel primo trimestre del 2021, sembra accelerare la creazione del contesto nel quale i prodotti elettrici a marchio Fiat e non potranno meglio far germogliare gli investimenti nell’auto sostenibile previsti entro il 2022 (€9 miliardi).

Credito foto di apertura: ufficio stampa FCA Italy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *