Lucid svela la sua Air base, a partire da $69.900

La meno costosa tra le versioni dell’aspirante modello premium sviluppato dalla casa americana promette una generosa autonomia di 653 chilometri e quasi 500 cavalli

La più credibile anti-Tesla americana, guidata non a caso da un ex-Tesla come Peter Rawlinson, con la sua Lucid Air Dream edition aveva annunciato una berlina molto interessante ma, con un cartellino del prezzo a partire da $169.000, non certo alla portata di tutte le tasche. Oggi la casa californiana ha iniziato a distribuire note stampa per aggiungere dettagli importanti su versioni meno inaccessibili della propria gamma.

L’Air entry-level partirà da $77.400 (con gli incentivi federali americani $69.900) e la si può già prenotare con una cauzione di $300. Per questo modello Lucid prevede 406 miglia (653 chilometri) di autonomia misurata secondo gli standard americani EPA, più restrittivi di quelli europei WLTP, e potenza massima di 480 cavalli, sprigionati da un unico motore elettrico.

A questo modello sono associati interni PurLuxe categoricamente privi di pelle animale e lo stesso ampio schermo da 34″ della versione luxury, ma non il tetto vetrato, che ha attirato molti sguardi al lancio del mese scorso.

Lucid e Tesla hanno dato chiari segnali di marcarsi a uomo nella sfida dei prezzi riguardante Air e Model S. Martedì la casa di Palo Alto aveva limato il prezzo di partenza del 4% a $71.990, un livello scavalcato da Lucid, ben consapevole che al contrario della clientela Tesla la propria avrà diritto ai sussidi federali.

Ma subito con un immancabile tweet si è scomodato Elon Musk per tagliare ancora il prezzo della Model S: $69.420, che la rende quindi più conveniente della più accessibile delle Air. Il confronto non riguarda solo la clientela americana: in Italia la Model S più “austera” adesso parte da €79.900.

Lucid, che prevede di consegnare le prime Air base a inizio 2022, ha deciso anche i prezzi della Air Touring, la cui entità al lancio di settembre non era stata precisata. Partirà da $87.500, giustificati rispetto alla versione base da motori elettrici distribuiti sui due assi che assicureranno alla vettura una potenza massima di 620 cavalli (addomesticati dal torque vectoring nel loro percorso verso l’asfalto).

Per la Air Touring l’autonomia attesa è la stessa del modello base: 406 miglia, ma al contrario di quest’ultima la clientela potrà scegliere tra più soluzioni per gli interni e volendo aggiungere il tetto panoramico. In questo caso tuttavia le prime consegne non giungeranno che nella seconda parte del 2021.

L’autonomia dei modelli Air base ed Air Touring, se confermata ai test di omologazione dell’agenzia federale, equivarrebbe a migliorare di quattro miglia l’autonomia massima della Tesla Model S Long Range+, a cui si attribuisce inoltre un rating di 117 MPGe (ovvero: miglia per gallone equivalenti). Naturalmente si tratta di cifre distanti rispetto alle 517 miglia (832 chilometri) promesse, ma non ancora confermate per la Air Grand Touring.

Una differenza che si spiegherà anche in gran parte con la differente taglia del pacco batterie: certamente di minore capacità sulla Lucid Air base rispetto ai 113 kWh previsti sulle versioni da oltre $100.000.

Quello che tutte le versioni di prezzo condivideranno, in mancanza di una rete di Supercharger come nel caso dei clienti Tesla, sono i tre anni di ricariche omaggio presso la rete di Electrify America, dotata di molte colonnine ultra-veloci.

Credito foto di apertura: press kit Lucid Motors