Rassegna 6 – 12 settembre : le notizie della settimana su auto elettriche, innovazione

LA NOTIZIA PIÙ LETTA DI QUESTA SETTIMANA:

“Matrimonio sostenibile alle porte per Nikola e General Motors”
(8 settembre)
Risparmierà $4 miliardi in dieci anni Nikola col contratto che fornirà fuel cell Hydrotec e batterie Ultium a camion, furgoni e pickup; a GM passerà una quota dell’11% della startup
—  Mentre a Wall Street oggi continua il periodo di dubbi sulle startup della nuova mobilità, Nikola Corporation fa un passo importante per dimostrare di essere più di un fenomeno di moda, e oggi con General Motors Co. annuncia una partnership strategica che inizia dal pickup Nikola Badger.

QUESTA SETTIMANA CI È PIACIUTO SCRIVERE:

Hyundai e SK Innovation attirate dalle prospettive del "Battery as a Service"
I partner hanno accennato alle possibilità degli schemi di cooperazione tra aziende della mobilità e società delle batterie che si incentrano sulla fornitura. Sembra probabile che anche il gruppo Hyundai possa rilanciare l’opzione del noleggio o leasing della batteria, molto diffusa in passato sulla Renault Zoe ma che la marca francese sta ritirando invece in tutta Europa. (credito foto: ufficio stampa Kia Motors Italia)

“Hyundai e SK Innovation attirate dalle prospettive del «Battery as a Service»”
(8 settembre)
I due gruppi coreani puntano ad ampliare una collaborazione che già colloca le celle SK Innovation sulle Kia E-Niro a servizi, gestione delle batterie, fino all’economia circolare
—  Hyundai Motor Group e la società specializzata nelle batterie SK Innovation Co. hanno diffuso stamattina una nota stampa che conferma l’accordo per ampliare l’attuale collaborazione nel settore dei veicoli elettrici. I partner puntano a lavorare insieme con un rapporto che sia più di quello delle fornitura di celle per i pacchi batterie.

QUESTA SETTIMANA CI È PIACIUTO LEGGERE:

Rassegna della settimana 6 - 12 settembre : notizie su auto elettriche, innovazione
Il prossimo battery management system General Motors sembra anticipare la concorrenza, perfino quella Tesla. La tecnologia wireless creata insieme ad Analog Devices sarà standard sulle future elettriche del gruppo del Michigan. Liberandosi dei cavi arancioni, il sistema avrà antennine RF integrate nei circuiti che comunicheranno a 2,4 gigahertz con un “linguaggio” simile a quello del Bluetooth ma a potenze inferiori riportando dati di voltaggio, temperature ed altro delle celle a una scheda madre, che via cloud “parlerà” con Detroit o qualsivoglia laboratorio GM. (Credito foto: Jeffrey Sauger via ufficio stampa General Motors)

“Exclusive: GM Can Manage an EV’s Batteries Wirelessly—and Remotely”
(Spectrum)
— The new system eliminates the rat’s nest of wiring and collects information that can be used to design better batteries
— When the battery dies in your smartphone, what do you do? You complain bitterly about its too-short lifespan, even as you shell out big bucks for a new device. Electric vehicles can’t work that way: Cars need batteries that last as long as the vehicles do. One way of getting to that goal is by keeping close tabs on every battery in every EV, both to extend a battery’s life and to learn how to design longer-lived successors.

Credito foto di apertura: ufficio stampa Nikola Corp.