Skoda lancia Enyaq IV, il suo SUV silenzioso

Presentato ieri sera il modello con cui la marca ceca entra dalla porta principale nel settore più conteso ed effervescente del mercato elettrico, quello dei SUV medi

Dopo aver messo piede nel settore al 100% elettrico con la Citigo IV, la casa ceca, come già nel caso della Octavia che condivide motori e dotazioni tecnologiche con la Golf 8, si spende senza riserve per dimostrare un livello di stile e tecnologia che non faccia più pensare a operazioni di riciclo all’interno del gruppo Volkswagen.

E nel caso particolare del settore elettrico, vista l’attualità della piattaforma modulare MEB questo sarà un oggettivo dato di fatto. Enyaq, nato sulla scia del concept Vision IV, sarà infatti il secondo modello lanciato su questo pianale.

Nell’elenco delle première del gruppo di Wolfsburg precede perfino il cugino ID4 costruito a Zwickau, quasi a voler dimostrare che ogni marchio di questa grande orchestra dell’auto si è messo a suonare furiosamente la sinfonia a zero emissioni che il direttore Herbert Diess sta eseguendo.

Esteticamente il SUV ceco è peraltro facilmente identificabile come Skoda dalle forme spigolose, senza però inseguire fughe in avanti approfittando della sua connotazione al 100% elettrica. Il contributo del pianale MEB nelle forme si nota negli sbalzi ridotti, e nella sezione anteriore più compatta, anche se meno accentuata dalle linee di quanto non avvenga sulla Volkswagen ID3.

La calandra esagonale della marca resta presente malgrado le esigenze di raffreddamento di batteria e motore elettrico siano inferiori a quelle della gamma termica. Quasi taglienti le linee delle prese di raffreddamento inferiori e della fanaleria provvista di tecnologia Matrix LED che incide gli angoli superiori del muso raccorciato.

La cifra Skoda è meno ovvia di profilo, dove la parentela con il SUV Volkswagen ID4 si nota di più guardando ai 4,65 metri di lunghezza del veicolo, 5 meno della Kodiaq. L’Enyaq di lato sembra quasi un monovolume, mentre guardando la parte posteriore riemerge un dialogo estetico con le linee spigolose del muso.

Negli interni si ritrovano temi dei modelli più recenti Skoda, in particolare della bene accolta Octavia. Il flusso è palesemente orizzontale con il cruscotto pulito ma non povero integrato da un grande touch screen da 13 pollici. La Enyaq ha in dotazione la tecnologia a realtà aumentata head-up che proietta informazioni per la guida sul parabrezza.

Gli interni sono al livello dei modelli più apprezzati di questa gamma e ne è presente uno che fa ricorso a poliestere da bottiglie di plastica riciclata, in nome dell’economia circolare. Grazie al passo da 2,77 metri del pianale elettrico MEB l’abitabilità è buona e agevolata dall’assenza del tunnel della trasmissione, mentre anche il bagagliaio da 585 litri non pare soffrire di conflitti con le celle presenti nel pianale.

Come avverrà per la ID3 e la ID4 la Skoda Enyaq IV avrà fin dal suo debutto un ventaglio ampio da cui scegliere, cinque versioni, come già anticipato:
– Enyaq IV 50: motore elettrico posteriore, 109 kW (148 cavalli), batteria da 55 kWh, autonomia fino a 340 chilometri WLTP.
– Enyaq IV 60 : motore elettrico posteriore, 132 kW (179 cavalli), batteria da 62 kWh, autonomia fino a 390 chilometri WLTP.
– Enyaq IV 80 : motore elettrico posteriore, 150 kW (204 cavalli), batteria da 82 kWh, autonomia fino a 500 chilometri WLTP.
– Enyaq IV 80X : due motori elettrici, 195 kW (265 cavalli), batteria da 82 kWh, autonomia fino a 460 chilometri WLTP.
– Enyaq IV RS : due motori elettrici, 225 kW (306 cavalli), batteria da 82 kWh, autonomia fino a 460 chilometri WLTP.

Ricaricare, a parte la soluzione “casalinga” in corrente alternata da 2,3 kW per le situazioni di emergenza, avverrà nella maggior parte dei casi a potenze di 11 kW, con un “pieno” che richiederà tra le 6 e le 8 ore secondo la capacità della versione di batteria in dotazione.

Sulle autostrade, o comunque alle colonnine veloci ed ultra-veloci la Enyaq IV sarà in grado di gestire potenze fino a 125 kW, che nel migliore dei casi richiederanno 40 minuti per salire dal 10 all’80% dell’energia nelle celle.

Il modello Skoda disponibile in Italia a primavera 2021 sarà un pilastro della strategia di marca che prevede il lancio di 10 modelli elettrificati sotto la comune sigla IV entro la fine del 2022.

Da noi i prezzi partiranno da €35.000 ed è già possibile aderire al Pre-Booking che garantirà al cliente la presenza sul veicolo del sistema di ricarica rapida insieme all’abbonamento per la ricarica agevolata per un anno presso l’intera rete ultra-veloce Ionity.

Gli interni, qui la versione limitata Founders Edition, prevedono vari livelli denominati Design Selection, ai quali corrisponderanno ciascuno un abitacolo allestito con cura ed estrema attenzione al comfort, traendo ispirazione dagli ambienti abitativi moderni e impiegando materiali naturali e sostenibili (credito foto: ufficio stampa marca Skoda/VW Group Italia)
Credito foto di apertura: ufficio stampa marca Skoda/VW Group Italia