Nessuno vuol perdersi il mercato dei furgoni elettrici: GM si prepara

General Motors ha in mente di far produrre un van a zero emissioni locali allo stesso impianto di Detroit-Hamtramck nel quale nascerà il prossimo Hummer elettrico

Pickup e veicoli commerciali sembrano diventare la risposta di un numero crescente di manager dei gruppi globali dell’auto, quando si tratta di scegliere un percorso per affermare la mobilità elettrica. Poche ore fa un dispaccio dell’agenzia Reuters ha rivelato il progetto General Motors per un furgone elettrico destinato alla clientela business.

Una strada che attira in pratica tutti i grandi gruppi americani. Se FCA tramite un accordo di CNH con Nikola Motor guarda ai mezzi pesanti elettrici e fuel cell, GM sembra più interessata, come Ford Motor Co, ai veicoli commerciali di medie e piccole dimensioni.

Quando la casa dell’Ovale Blu ha deciso di presentare i propri modelli al 100% elettrici, i primi nomi venuti alla luce sono stati la sportiva Mustang Mach-e collocata alla fine di quest’anno ed il furgone Transit, vero cavallo di battaglia del gruppo, proiettato verso il 2021 .

Finora GM non aveva fatto alcun riferimento a un furgone nei propri piani che includono il lancio di almeno 20 nuovi veicoli elettrici puri entro il 2023. Ben noto invece l’impegno profuso nel rilancio del marchio Hummer, passato sotto la divisione GMC, il cui lancio è stato confermato anche se rinviato a causa della pandemia.

Con questo modello General Motors coprirà il settore dei nuovi pickup elettrici, come Ford sta facendo creando una versione a zero emissioni locali del best seller F-150. Entrambi intendono, hanno detto alcune fonti alla Reuters, evitare che Tesla si prenda anche nei pickup e nei furgoni il vantaggio di cui attualmente gode nella gamma delle berline elettriche.

E quindi GM e rivali tradizionali si muovono per evitare quell’esito, specialmente visto l’interesse dei colossi della logistica come Amazon, UPS & C. per i modelli elettrificati (e per quelli a guida autonoma).

Secondo l’agenzia di stampa, il van elettrico General Motors ha il nome di progetto BV1 e la sua produzione è prevista a partire dalla fine del 2021 nell’impianto del Michigan di Poletown da cui uscirà anche il primo light truck elettrico.

Il modello destinato alla clientela impegnata nelle consegne merci, condividerà alcuni componenti con le piattaforme future, così come probabilmente le nuove batterie della joint venture Ultium.

Ancora da chiarire a quale marchio sarà assegnato questo furgone: potrebbe avere lo stemma Chevrolet oppure quello GMC sul muso, qualora si volesse aggiungere carne al fuoco all’arrivo dell’Hummer elettrico. Un portavoce del gruppo di Detroit ha detto di non avere annunci da fare, ma non ha smentito il progetto.

Credito foto di apertura: ufficio stampa General Motors