Nella gamma BMW due nuove ibride plug-in: X1 xDrive25e e X2 xDrive25e

La casa di Monaco di Baviera le presenta con una scheda tecnica che prevede 220 cavalli di potenza e 385 Nm di coppia per ciascuna versione, entrambe dotate di batteria con capacità di 10 kWh

Una nuova coppia di ibride ricaricabili si affaccia nella gamma della casa di Monaco di Baviera: sono X2 xDrive25e e X1 xDrive25e, entrambe spinte dalla stessa unità tre cilindri 1,5 litri turbo da 125 cavalli e con 220 Nm. BMW ha diffuso quasi soltanto foto della X1, limitandosi a visuali posteriori per la X2: possibile che per la vettura lanciata in Italia ormai a primavera 2018 un facelift preceda il lancio della versione ibrida.

Su entrambi i modelli al motore a benzina collocato anteriormente si sposa un motore elettrico da 70 kW (95 cavalli) collocato sull’asse posteriore ed in grado di esprimere 165 Nm di coppia. Se non avete ancora fatto le somme: in totale si tratta di 220 cavalli di potenza e 385 Nm di coppia.

Le due agili BMW, di fatto a trazione integrale visto l’abbinamento della trasmissione posteriore con un solo rapporto a quella a sei marce che manda all’asse anteriore il moto del tre cilindri, promettono una accelerazione sullo 0-100 km/h in 6,9 secondi per la X1 xDrive25e e in un tempo di un decimo inferiore la X2 xDrive25e. Lieve superiorità per quest’ultima anche nello spunto di velocità massima, che arriva a 195 km/h, mentre la cugina si porta fino a 193 km/h. Se il cliente vorrà, potrà sfogare la sua fretta a zero emissioni arrivando fino a 135 km/h.

Il pacco batterie per entrambe sarà con capacità lorda di 10 kWh, in grado di contribuire al contenimento delle emissioni portando i livelli tra i 48 ed i 43 grammi di CO2 per chilometro, con un consumo medio di carburante tra 2,1 e 1,9 litri per 100 chilometri per la X1 xDrive25e. I valori di consumo si collocano tra i 2,1 e 1,9 litri per 100 chilometri e quelli di emissioni tra 47 e 43 grammi per chilometro nel caso della X2 xDrive25e

L’energia delle celle agli ioni di litio consentirà un’autonomia silenziosa compresa tra 54 e 57 chilometri sulla X1 xDrive25e e tra i 55 e i 57 chilometri per la X2 xDrive25e. La presa inserita nel passaruota anteriore sinistro se collegata alle prese domestiche assicura la ricarica completa in circa cinque ore, mentre per il riferimento abituale dell’80% bastano 3,8 ore. I tempi scenderanno ovviamente affidandosi a wallbox o a prese di maggior potenza.

Il gruppo BMW con l’inserimento delle versioni ibride ricaricabili sui modelli X1 e X2 ha ormai allargato l’elettrificazione a tutta la gamma. Nel 2019 sono stati oltre 145.000 i modelli con batterie di piccola o grande capacità che hanno contribuito a mantenere al primo posto il gruppo nelle vendite globali del settore premium, e le ibride plug-in hanno occupato una quota di circa 3/4 di quel totale.


Credito foto di apertura: ufficio stampa BMW Group