A Stoccolma Scania presenta il concept NXT: autobus elettrico ed autonomo

All’edizione 2019 dell’UITP Global Public Transport Summit la marca scandinava presenta un prototipo di autobus da 8 metri: più che ultra-modulare un veicolo camaleontico

Il multitasking dilaga nel settore dei veicoli commerciali, quando si tratta di rispondere agli impieghi potenziali della guida autonoma ed elettrificata. A Stoccolma, in questi giorni sede dell’UITP Global Public Transport Summit, Scania presenta la propria interpretazione di una soluzione anticipata da Daimler col concept Vision Urbanetic a settembre del 2018 e più o meno nello stesso periodo anche dal Rinspeed Snap.

Scania ha presentato il proprio concept NXT sottolinenandone la flessibilità progettuale: una dote in grado di consentirgli di passare dal trasportare i pendolari in fasi della giornata appropriate a, magari, consegnare beni o raccogliere rifiuti la notte. Per una flessibilità così camaleontica ovviamente cambiare l’allestimento non basta più, come si può immaginare.

In effetti Scania sull’NXT suggerisce di servirsi di due moduli di trazione, uno anteriore e uno posteriore, agganciabili a richiesta a pianali predisposti per usi diversi. Come potrebbe fare già oggi un trattore in grado di agganciare indifferentemente una bisarca o un semi-rimorchio frigorifero in base alle necessità del committente del momento.

I sistemi modulari sono già una caratteristica che fa parte del DNA Scania, ci tiene a sottolineare la marca svedese (parte del più grande Traton Group, consociata controllata da Volkswagen che i tedeschi vogliono presto lanciare separatamente in borsa) e questo è stato portato all’estremo, secondo il project manager responsabile del concept NXT Robert Sjödin.

L’NXT ha un modulo principale da autobus di 8 metri, col pacco batterie (considerato che Scania ipotizza per il concept un futuro a fine Anni ’20 potrebbero anche non essere agli ioni di litio…) collocato sotto il pianale ed ottimizzare quindi distribuzione dei pesi e spazi. Considerato un autobus da meno di 8 tonnellate, con le celle disponibili attualmente secondo Scania un mezzo come l’NXT avrebbe un’autonomia stimata di 245 chilometri.

Scania con il prototipo presentato all’UITP intende soprattutto sottolineare quanto l’innovazione possa contribuire a dare risposte a problemi di sostenibilità e di congestione urbana. La flessibilità già possibile a livello progettuale oggi è un buon viatico per arrivare ad incorporare nei trasporti delle città soluzioni studiate a monte invece che inseguire rimedi a problemi trascurati.

Quando si parla di sistemi di trasporto negli ambienti urbani la condivisione e la flessibilità possono andare di pari passo, e secondo Scania idee come quelle che hanno portato a costruire il concept NXT potrebbero ispirare cambiamenti positivi per le città e per chi le abiterà.

 


Credito foto di apertura: ufficio stampa Scania