A Stoccarda Akasol ha presentato la rinnovata gamma di batterie per autobus e camion

La casa tedesca nota come partner Mercedes-Benz, di cui equipaggia gli autobus eCitaro, aumenterà la densità di energia degli attuali pacchi batterie in attesa della svolta 2021 con un prodotto leader

Durante il Battery Show Europe di Stoccarda, Akasol ha presentato il nuovo pacco batterie AKASystem AKM CYC: destinato a veicoli commerciali ed autobus, viene sviluppato in vista di una entrata in produzione nel 2021. Basato su celle cilindriche 21700, raggiungerà una densità di energia di 221 Wh/kg: un valore che secondo il produttore ne farà un prodotto leader tra i moduli per batterie raffreddati a liquido.

Akasol guarda in particolare al settore degli autobus impiegati sui percorsi urbani, e questi modelli potrebbero essere dotati di pacchi batterie di ragguardevoli capacità, comprese tra i 600 ed i 1.000 kWh. I veicoli equipaggiati con sistemi AKASystem AKM CYC potranno anche essere sottoposti a ricarica rapida di colonnine ultra-veloci, fino ad un massimo di 500 kW, peraltro oltre le più rapide attuali che si fermano ai 350 kW.

Un altro sistema di supporto di energia agli autobus elettrici è l’AKASystem OEM PRC: a Stoccarda Akasol ha portato la seconda generazione, che subentrerà alla versione che ha cominciato ad equipaggiare i Mercedes-Benz eCitaro, che dispongono di capacità fino a 294 kWh.

Nella prossima versione l’accresciuta densità di energia delle celle secondo il produttore consentirà di aumentare del 33% l’energia disponibile raggiungendo la capacità di 400 kWh senza il bisogno di modificare il profilo e le dimensioni degli attuali moduli. Anche questi pacchi batterie avranno la possibilità di essere sottoposti a ricariche ultra-veloci.

L’AKASystem OEM PRC alla fine di quest’anno passerà alla fase di test e convalida, mentre per la metà del 2020 lo stabilimento di Langen, in Assia, sarà in grado di iniziare una produzione in serie. Alla fine del prossimo anno l’impianto potrebbe arrivare a una capacità di 600 MWh, elevando il ritmo attuale che già può fornire moduli e pacchi batterie fino a 1.500 autobus elettrici l’anno.


Credito foto di apertura: AUTO21