SEAT alla guida di un progetto per auto elettriche urbane a basso costo

Entro il 2021 saranno sei i veicoli elettrificati nella gamma della marca spagnola, e dal 2023 arriverà una versione citycar appositamente sviluppata dalla piattaforma elettrica MEB

Anche i piani SEAT sull’elettrificazione della gamma appaiono più concreti al termine della conferenza stampa annuale della marca catalana del gruppo Volkswagen. Saranno sei i modelli elettrici e plug-in SEAT che si affacceranno sui mercati, e non solo europei, entro il 2021. È stato confermato che la Mii e la el-Born saranno i primi due modelli full electric.

Ma, con le normative sulle emissioni che incombono, i due modelli saranno affiancati da un quartetto di modelli, due SEAT e due Cupra con versioni ibride ricaricabili. Accanto alla SEAT Leon ed alla Tarraco vedremo spuntare prese anche sulle più aggressive Cupra Leon e Cupra Formentor.

L’amministratore delegato Luca de Meo ha anche annunciato, quasi a sottolineare che la corsa con la rivale-cugina Skoda stia volgendo più a favore degli spagnoli quanto a novità di matrice elettrificata, che insieme alla casa madre Volkswagen sarà sviluppata una nuova versione della piattaforma modulare elettrica MEB di dimensioni più contenute rispetto ai quattro metri o più che riguardano la maggior parte dei modelli.

La nuova piattaforma appare un pilastro dell’intenzione della casa di Martorell di vendere dei veicoli elettrici in grado di gravitare su prezzo di attacco di (meno di) €20.000 euro, a partire dal 2023. Il manager italiano ha commentato: “SEAT ora gioca chiaramente un ruolo definito all’interno del gruppo Volkswagen. Per la prima volta il Centro Tecnico SEAT  svilupperà un veicolo del gruppo che potrà essere usato da diversi marchi in tutto il mondo“.

De Meo non si è spinto fino a chiarire se, come ha già deciso l’amministratore delegato Volkswagen Herbert Diess per la piattaforma principale, anche la MEB extra-small sarà proposta per impieghi al di fuori del gruppo. Ma il top manager del gruppo tedesco presente alla conferenza ha sottolineato che quello sviluppato da SEAT sarà il primo veicolo elettrico specificamente progettato per il traffico urbano.

SEAT coi risultati di vendite recenti si è conquistata l’opportunità di essere il secondo brand del gruppo di Wolfsburg l’anno prossimo a poter lanciare nel 2020 un modello tutto elettrico basato sulla piattaforma MEB: la el-Born vista come concept molto realistico al Salone di Ginevra.

Ma la el-Born, progettata e sviluppata in Spagna, sarà costruita nel tempio dell’auto elettrica di Zwickau, come la VW ID.3 ed un crossover Audi. Nel frattempo la eMii da tempo conduce sperimentazione nel centro di Barcellona con un servizio di car sharing dedicato ai dipendenti di un centro competenze ed un incubatore della metropoli catalana.

La eMii, come la futura piccola cittadina che nascerà sulla piattaforma MEB extra small e veicoli urbani quali il Minimó e il monopoattino eXS, lasciano presagire un brillante futuro della marca SEAT quale possibile snodo della micromobilità nella strategia complessiva del gruppo Volkswagen dei prossimi anni.


Credito foto di apertura: ufficio stampa SEAT