Quante batterie di trazione ci saranno nelle Nissan vendute nel 2022? 1 milione

Nissan prevede che nel 2022 le sue vendite di auto native elettriche ed ibride e-Power in Europa ed in Giappone arrivino al 40%, salendo al 50% nel 2025

In effetti sono quelle del titolo la domanda e la risposta corretta riguardo agli obiettivi per il 2022 della marca giapponese. A meno che non si preferisca scrivere invece che Nissan nel 2022 ritiene di poter vendere un milione di auto non elettriche ma elettrificate.

Brutto termine che include sia le auto al 100% elettriche sia le ibride, incluse le interessantissime ibride seriali che Nissan ha cominciato a proporre con la sigla e-Power che caratterizza le popolarissime Note (di cui sono stati venduti 129.000 pezzi già il primo anno) e Serena.

Purtroppo finora popolari solo in Giappone. E da non confondere con auto con range extender, che non sono esattamente la stessa cosa di un ibrido seriale, in cui l’energia per muovere le ruote arriva sempre e comunque da una piccola batteria, alimentata da un motore altrettanto piccolo ed efficiente.

Ma Nissan non si limiterà certo a costruire e vendere modelli e-Power in tutto il mondo: sono otto le nuove auto native elettriche che ha promesso di mettere sul mercato nei prossimi quattro anni e non mancheranno quelli basati sulla piattaforma della nuova Leaf. A cominciare da un crossover di cui l’IMx Kuro è stata la prefigurazione.

Quattro nuove auto native elettriche saranno per la sola Cina, che ne richiede senza requie, e la ricerca di un modello elettrico a prezzo interessante  (all’interno dell’Alleanza franco-giapponese il marchio Dacia e l’indiana Kwik hanno fatto scuola) prevede che questo asso nella manica arrivi dalla joint venture eGT New Energy Automotive.

Sarà sviluppato congiuntamente dall’Alliance e dalla locale Dongfeng su una piattaforma del segmento A e con caratteristiche da crossover, giocoforza, compatto. Per sgomitare con successo ed arrivare al ruolo di leader nel crescente mercato delle elettriche Nissan prevede di investire circa $9 miliardi nei prossimi cinque anni là insieme a Dongfeng.

Gli obiettivi Nissan prevedono fra quattro anni, appunto nel 2022, che i modelli a batteria diventino in Europa ed in Giappone il 40% delle vendite, per salire al 50% nel 2025. Più basse la medie previste per Stati Uniti e Cina.


Credito foto di apertura: ufficio stampa Nissan Motor Co.