Sulla scacchiera della sharing economy tocca a PSA muovere

Nell’ambito del suo piano strategico “Push to Pass”, il gruppo francese PSA prosegue la sua strategia di investimento in soluzioni di mobilità, per ampliare la propria capacità di fornire servizi su scala globale. Per questo lo scorso aprile Groupe PSA ha annunciato un investimento di un capitale di 100 milioni di euro nel settore della mobilità, e parte di quelle risorse sono state allocate per una partecipazione in una start-up: TravelerCar. Si tratta di una di quelle aziende che operano nella sharing economy offrendo soluzioni rivolte a massimizzare l’utilità economica dell’automobile.

TravelerCar offre tre tipi di servizi presso aeroporti, stazioni ferroviarie e nei centri delle grandi città: ai possessori di auto che rendono disponibile la loro auto per il noleggio offre parcheggio gratuito, a cui si aggiunge un compenso per i proprietari di auto i cui veicoli vengono noleggiati. TravelerCar fornisce copertura assicurativa totale per i veicoli, e gestisce dall’inizio alla fine la procedura di noleggio. Per i possessori di auto che preferiscono non condividere la loro auto la società propone una soluzione di parcheggio a prezzi agevolati. Vi è inoltre un’opzione a costo agevolato per il noleggio auto da parte di privati. Le agenzie di noleggio TravelerCar ovviamente agiscono da collegamento tra i noleggiatori e i proprietari.

TravelerCar fornisce un servizio vantaggioso per tutte le parti coinvolte e si fa carico dell’intera procedura. L’offerta TravelerCar è un modello ibrido che abbina elementi che appartengono al noleggio auto tradizionale a sistemi di noleggio peer-to-peer. In questo modo gli utilizzatori possono usufruire di un servizio di alta qualità ed essere protagonisti di un processo ambientale responsabile. La start up, nata nel 2012, vanta attualmente una rete di 80 agenzie, con oltre 100.000 utilizzatori in sei nazioni tra le quali per ora non figura l’Italia: Francia, Spagna, Olanda, Germania, Svizzera e Belgio.

Il tipo di soluzioni sviluppate da TravelerCar rappresenta una risposta alle nuove tendenze dei consumatori”, ha commentato in una nota del gruppo francese Brigitte Courtehoux, responsabile dei servizi connessi e della business unit per la nuova mobilità. “Fornire ai clienti una nuova esperienza di mobilità è un concetto che condividiamo pienamente qui con Groupe PSA. Grazie alla partnership con TravelerCar, Groupe PSA continua a implementare il suo piano strategico, per continuare a essere un player di spicco in questo nuovo ecosistema“.
Abbiamo a cuore i nostri utilizzatori“, ha dichiarato il fondatore di TravelerCar, Ahmed Mhiri, “e possiamo quindi offrire soluzioni mirate alle loro esigenze specifiche. L’auto è una risorsa in grado di generare profitto per il suo proprietario mentre non la sta usando. Non si tratta solo di car sharing, perché abbiamo anche una soluzione per chi non vuole dare a noleggio la sua auto. Grazie alla partnership con Groupe PSA, TravelerCar potrà salire a un livello superiore di sviluppo molto più velocemente, ed estendere la sua offerta agli altri paesi europei”.

 


Credito foto di apertura: Peugeot infopresse website